Carlo Goldoni
Una delle ultime sere di carnovale

ATTO PRIMO

Scena Settima. Domenica, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Domenica, e detti

 

DOMENICA Oh! son qua; che i compatissa, se son stada un pocheto tropo. I m'ha chiamà in cusina; son andada a dar un'occhiada. Perché, sàla? se no fusse mi in sta casa, no se farave mai gnente.

MARTA Eh! savemo, che puta, che la .

BASTIAN Quando magnémio sti confetti, siora Domenica?

DOMENICA Oh! per mi? l'ha ancora da nasser.

ELENETTA (Sarave ora, che 'l fusse nato).

BASTIAN La diga: quanto , che no la vede sior Anzoletto?

DOMENICA Qualo sior Anzoletto?

BASTIAN Qualo? Quelo...

DOMENICA Chi quelo?

MARTA Mo via con quela bocca, che no pol tàser. (a Bastian)

BASTIAN Mi no digo gnente.

DOMENICA (Come l'àli savesto, che tra Anzoletto, e mi ghe qualche prencipio? Non l'ho dito a nissun; no lo sa gnanca mio padre).

ELENETTA (Mo che zente, che se ne vol impazzar, dove che no ghe tocca!)

DOMENICA Oh! vardè chi qua!

BASTIAN Chi? sior Anzoletto?

DOMENICA (Magari!) Sior Momolo, el manganer.

MARTA Gh'ho ben gusto dasseno. El el più caro matto del mondo.

DOMENICA El belo , che sior padre l'aveva invidà, e 'l gh'ha dito, che nol podeva vegnir.

BASTIAN No sàla? Lu gh'ha l'abilità de zirar in t'un zorno sette, o otto conversazion.

MARTA Cossa fàlo, che nol vien avanti?

DOMENICA L'è capace d'averse fermà coi zoveni, a dirghe cento mile minchionerie.

MARTA Fermo de tutto, che 'l staga qua stassera.

DOMENICA Oh! mi no lo lasso andar via seguro.

ELENETTA (Cossa mai fàlo sto mio marìo, che nol vien? El me fa pensar cento cosse).

DOMENICA Vèlo qua, vèlo qua sior Momolo.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License