Carlo Goldoni
Una delle ultime sere di carnovale

ATTO PRIMO

Scena Undicesima. Momolo e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Momolo e detti

 

MOMOLO Oh! son qua.

ALBA Oh! sior Momolo, sior Momolo. (rallegrandosi)

MOMOLO Sior'Alba, ghe son servitor.

ALBA Anca elo qua?

MOMOLO No sàla? Mi penetro per tutto, co fa la luse del sol.

ALBA Ah! ah! (ride moderatamente)

DOMENICA Ghe passà? (ad Alba)

ALBA Un pochetto.

MOMOLO Gh'àla mal? Vorla, che mi ghe daga un recipe per varir?

ALBA Via mo; che recipe?

MOMOLO Recipe, no ghe pensar. Recipe, devertirse. Recipe, sior sì, e ste cosse.

ALBA Oh! che matto: ah ah ah ah, oh che matto! (ridendo forte)

DOMENICA Oh! via via, me consolo: la varìa.

MARTA No ghe voleva altri, che sior Momolo a farla varir.

MOMOLO Vorle, che ghe ne conta una bela? Son stà de su da sior Zamaria. Ho trovà i do novizzi, uno in t'un canton, l'altro in t'un altro. I ha crià, i s'ha dito roba, i pianzeva. Sior Zamaria giera desperà. Mi ho procurà de giustarli. Ho chiapà Agustin per un brazzo. L'ho menà da la novizza. Le indivina mo? Vien qua, va' via; sentì, làsseme star: i m'ha strazzà un manegheto.(mostra il manichetto rotto)

ALBA Oh bela! oh bela! Oh che gusto! oh bela! (ridendo)

MOMOLO Grazie del so bon amor. (ad Alba)

DOMENICA Via, via; ve darò mi una camisa.

MOMOLO N'importa; lo ficco sotto.

DOMENICA Bisogna ben, che ve muè, s'avè da balar.

MOMOLO Se bala anca?

DOMENICA I dise. Balerala anca ela, sior'Alba?

ALBA Siora sì; no vorla?

DOMENICA Oh! via, me consolo.

MARTA (La gh'ha tanto mal ela, quanto che ghe n'ho mi).

MOMOLO Ghe digo ben, che ho visto desuso in teler un drapo, che no ho visto el più belo. Un dessegno de sior Anzoletto, che una cossa d'incanto, che no gh'ha invidia a uno dei più beli de Franza.

BASTIAN Cossa serve? I nostri drapi, co se vol, che i riessa, i riesse. Gh'avemo omeni, che capaci; gh'avemo sede; gh'avemo colori; gh'avemo tutto.

LAZARO Cossa disèu, sior Bastian, de quei drapi, che st'anno vegnui fora dai mii teleri?

BASTIAN Stupendi: i me li ha da le man. V'arecordeu quel raso con quei finti màrtori? Tutti lo credeva de Franza. I voleva fina scometter; ma per grazia del Cielo, roba forestiera in te la mia bottega no ghe ne vien.

LAZARO I me fa da rider! Che i ordena, e che i paga, e i vederà, se savemo far.

ALBA (butta via lo scaldapiedi e il tabarrin)

DOMENICA Coss'è?

MARTA Cossa gh'àla?

ALBA Me vien una fumana.

MOMOLO Com'èla? Saldi, sior'Alba; saldi, sior'Alba.

ALBA Eh! andè via de qua; no me rompè la testa.

MOMOLO Me cavo: fogo in camin; me cavo.

ALBA Son tutta in t'un'acqua.

DOMENICA Vorla despogiarse?

ALBA Siora no.

MARTA Vorla, che ghe metta un fazzoleto in te le spalle?

ALBA Oh! giusto.

LAZARO Voleu gnente, fia?

ALBA No voggio gnente.

LAZARO Voleu, che andemo a casa?

ALBA La me favorissa el mio tabarin.

DOMENICA La toga.

LAZARO Andémo; le compatissa.

ALBA Se la me licenza, voggio andar dessuso a véder sto drapo. (a Domenica)

DOMENICA Ghe passà?

ALBA Me passà. Sior Momolo, la favorissa.

MOMOLO La comandi.

ALBA El me compagna dessuso.

MOMOLO Volentiera.

LAZARO Ve compagnerò mi. (ad Alba)

MOMOLO Fermève. (a Lazaro) So qua a servirla. Benedeta la mia parona! Saldi, sior'Alba.

ALBA Coss'è sto saldi?

MOMOLO Gnente. Saldi. Perché son debole de zonture.(parte con Alba)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License