Carlo Goldoni
Una delle ultime sere di carnovale

ATTO PRIMO

Scena Tredicesima. Domenica e Marta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Tredicesima. Domenica e Marta

 

DOMENICA Manco mal, che semo un pocheto sole. Gh'ho voggia de parlar con ela.

MARTA Son qua, siora Domenica; cossa gh'àla da comandarme?

DOMENICA La diga: cossa intendévelo de dir sior Bastian, col parlava de sior Anzoletto?

MARTA Mi no so in verità.

DOMENICA Eh! via, cara ela. La gh'ha pur dito, ch'el tasa.

MARTA Ghe dirò, co la vol, che ghe diga la verità: ne stà dito, che sior Anzoleto gh'ha de la stima per ela; e che anca ela no lo vede mal volentiera.

DOMENICA Ghe mal per questo?

MARTA Gnente; anzi in verità dasseno, ho dito co mio mario; el sarave un negozio a proposito per tutti do.

DOMENICA Anca mi, per parlarghe col cuor in man, ghe dirò, che sior Anzoletto, co l'occasion, ch'el vien qua da sior padre a portar i dessegni...

MARTA Via. Cossa serve? Nualtri marcanti gh'avemo bisogno de' testori; i testori ha bisogno del dessegnador...

DOMENICA Siora sì. Co l'occasion, che 'l vien qua...

MARTA Ho capio; i zoveni tutti do...

DOMENICA Ma gnente, sàla? No averemo dito trenta parole.

MARTA Via!

DOMENICA El m'ha domandà, se gh'ho morosi.

MARTA Bon!

DOMENICA El m'ha tratto un moto, se ghe tenderave.

MARTA Gh'àla dito de sì?

DOMENICA Mai.

MARTA Mo per cossa?

DOMENICA Oh! la vede ben. (con modestia)

MARTA No so cossa dir.

DOMENICA La mistra Polonia, la tiraoro, la conóssela?

MARTA La conosso.

DOMENICA Ela, védela, ela m'ha dito qualcossa.

MARTA E ela gh'àla fatto dir gnente?

DOMENICA Gnente. S'avemo scritto una polizeta.

MARTA Sì ben, sì ben. La gh'àla sta polizeta?

DOMENICA Siora sì. La vorla véder?

MARTA Magari!

DOMENICA Adesso ghe la mostro.(si guarda in tasca)

MARTA (Eh, sì ben. Trenta parole, e una polizeta quel, che basta).

DOMENICA Oh! qua la mistra Polonia. (ripone la carta)

MARTA Gh'àla suggizion?

DOMENICA No vorave, che la disesse... Ghe la mostrerò un'altra volta.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License