Carlo Goldoni
Una delle ultime sere di carnovale

ATTO TERZO

Scena Seconda. Marta e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Marta e dette

 

MARTA Mo quante scene! mo quante smorfie! mo quante scene!

DOMENICA De chi, siora Marta?

MARTA De quela cara sior'Alba.

POLONIA Causa so mario. Se so mario no la segondasse, no la le farave.

DOMENICA Ghe passà? (a Marta)

MARTA Ghe passà, ghe tornà; ghe tornà a passar. Ora la pianze, ora la ride; la una cossa, che se i la mettesse in comedia, no i lo crederia.

DOMENICA Debotto ora de andar a cena. Vegnirala a tola sior'Alba?

MARTA Rèstela qua la recamadora franzese?

DOMENICA Sior padre l'ha invidada; no so, pol esser de sì, che la resta; ma per certe scenette, che nate, pol esser anca de no.

MARTA Oh! se la ghe ela, sior'Alba no vien a tola seguro.

POLONIA Per i odori forsi?

MARTA Per i odori.

POLONIA Adesso, adesso anderò mi de ; e sentirò dove diavolo, che la gh'ha sti odori; e vederò, se ghe li posso levar.

DOMENICA Sì, cara fia, andè de ; parlèghe, e vedè de scavar circa quel negozio, che vu savè.

POLONIA Siora sì; la lassa far a mi. Mi con madama gh'ho confidenza; posso parlarghe con libertà.

DOMENICA per mi, che anca mi farò qualcossa per vu.

POLONIA Ghe raccomando; se la pol dirghe do parole a Momolo, la senta, che intenzion, che 'l gh'ha.

DOMENICA Siora sì; lo farò volentiera.

MARTA Brave! Da bone amighe: ve aggiutè una con l'altra.

POLONIA Cossa vorla far? Una man lava l'altra.

MARTA E tutte do, cossa làvele?

POLONIA Tutto quel, che la vol. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License