Carlo Goldoni
Una delle ultime sere di carnovale

ATTO TERZO

Scena Settima. Zamaria e la suddetta, poi Cosmo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Zamaria e la suddetta, poi Cosmo

 

ZAMARIA Coss'è, madama? cossa stà?

MADAMA Ce n'est rien, ce n'est rien, monsieur; c'est une fleur, que je ne sçaurois placer, qui me met en colère. (mostra accomodarsi un fiore della cuffia)

ZAMARIA Parlè italian, se volè, che ve intenda.

MADAMA Je dis, ch'io sono arrabbiata con un fiore della mia cuffia.

ZAMARIA Mo via, cara madama, no ve desperè per sta sorte de cosse. (Oh! povereto mi! Xèla questa per mi una sera de carneval, o xèla la sera dei desperai?)

MADAMA Dite, monsieur Jamaria: pare a voi, ch'io sia vecchia, ch'io sia brutta, ch'io sia detestabile?

ZAMARIA No, madama; chi v'ha dito sta cossa? Vu brutta? No vero gnente. in bona età, pulita, la vostra fegura.

MADAMA Ah! l'honnêt homme, que vous êtes, monsieur Jamaria!

ZAMARIA (Per dir la verità, la gh'ha i so anetti, ma la i porta ben, e la una dona de sesto).

MADAMA Monsieur Anjoletto ha avuto la témérité de me dire des sottises, des impertinences.

ZAMARIA Cara fia, i cussì i zoveni; no i gh'ha giudizio. No i pensa, che i ha da vegnir vecchi anca lori.

MADAMA Est-il vrai, monsieur Jamaria, che vostra figlia ira in Moscovia avec monsieur Anjoletto?

ZAMARIA Cara vu, tasè. No so gnente. M'ha parlà el putto, e gh'ho dito de no; m'ha parlà la putta, m'ha parlà siora Marta, e no gh'ho dito né sì, né no. Le ho voleste tegnir in speranza, per non desturbar la conversazion. Se volè andar in Moscovia con Anzoleto, comodève, che mia fia no gh'ho intenzion, che la vaga.

MADAMA Non, monsieur Jamaria; monsieur Anjoletto non è pas digne de moi. Il a avuto la témérité di sprezzarmi. Je mourerois piuttosto, che andar con lui. Il è vrai, che sola non posso andare. Che non sono ancora sì vecchia, e che ho con me molto argento, e avrei bisogno de la compagnie di un onest'uomo; mais je aborrisco questi giovani impertinenti, e je voudrois accompagnarmi con un uomo avanzato.

ZAMARIA Sì ben, ve lodo, e sarà meggio per vu.

Est-il vrai, monsieur Jamaria, que vous êtes veuf?

ZAMARIA Come? Se mi son vovi?

MADAMA Voglio dire: è vero che voi siete vedovo?

ZAMARIA Siora sì; son veduo.

MADAMA Oh! la miserabile vita, ch'è quella di noi poveri vedovelli! Pourquoi non vi maritate, monsieur Jamaria?

ZAMARIA Oh! che cara madama. Ve par, che mi sia in stato de maridarme?

MADAMA Comment, monsieur? Un homme, come voi siete, potrebbe svegliare le fiamme de Cupidon dans le coeur d'une jolie dame.

ZAMARIA Oh! che cara madama.

MADAMA Voi siete fresco, robusto, adorabile.

ZAMARIA Disèu dasseno?

COSMO Sior padron, la vegna de in cusina a dar un'occhiada, e ordenar cossa che s'ha da metter in tola.

ZAMARIA Dove mia fia?

COSMO La de con quelle altre signore.

ZAMARIA Vegno mi donca. (Cosmo parte) Con grazia, madama, vago de , perché i vol metter in tola. Se volè andar in camera da mia fia, comodève.

MADAMA Non, monsieur, je resterai ici, se voi mi donate la permission.

ZAMARIA Comodève, come volè. A revéderse a tola.

MADAMA Ricordatevi, ch'io voglio a table sedere appresso di voi.

ZAMARIA Arente de mi?

MADAMA Oui, monsieur, si vous plaît. (riverenza)

ZAMARIA (Oh! che cara madama. La godibile, da galantomo). (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License