Carlo Goldoni
Una delle ultime sere di carnovale

ATTO TERZO

Scena Tredicesima. Domenica, Zamaria, Madama Gatteau, Agustin, Elena, Marta, Anzoletto e Bastian, poi Polonia e Momolo, poi Alba, poi Lazaro

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Tredicesima. Domenica, Zamaria, Madama Gatteau, Agustin, Elena, Marta, Anzoletto e Bastian, poi Polonia e Momolo, poi Alba, poi Lazaro

 

Sala illuminata per il ballo.

 

MARTA Semo qua, sior Zamaria.

ZAMARIA (s’alza dal suo posto, e corre incontro a Anzoletto)Vegnì qua, sior Anzoleto, vegnì qua, fio mio. Ho risolto, ho stabilio: ve darò mia fia, vegnirò con vu. Sieu benedetto; mio zenero, mio fio.

MARTA Evviva, evviva siora Domenica, me ne consolo.

DOMENICA Grazie, grazie.(alzandosi)

ANZOLETTO Caro sior Zamaria, no gh'ho termini che basta per ringraziarlo; l'allegrezza me impedisce el parlar.

BASTIAN Me consolo co sior Anzoleto, e co siora Domenica.

MOMOLO Compare Anzoleto, anca mi co tanto de cuor.

POLONIA Anca mi, con tutti, dasseno.

LAZARO Bravi, bravi; anca mi gh'ho consolazion. Muggier, vegnì qua anca va, sentì.(ad Alba)

ALBA Eh! ho sentio; me ne consolo.(colla solita flemma)

LAZARO Poverazza! la debole; no la pol star in piè. (a tutti)

ELENETTA Sior santolo, siora Domenica, me ne consolo.

AGUSTIN (prende Elena per mano, e la conduce a sedere dov’erano prima)

ZAMARIA Scampè, vedè, che no i ve la sorba. (a Agostino) Sior Momolo, vegnì qua.

MOMOLO Comandè, paron.

ZAMARIA Za che v'avè esebìo de favorirme; fazzo conto de lassarve a vu el manizo dei mii interessi.

MOMOLO E mi pontualmente ve servirò.

ZAMARIA Ve darò un tanto a l'anno, e un terzo dei utili, acciò che v'interessè con amor.

MOMOLO Tutto quello, che comandè.

ZAMARIA Ma da omo.

MOMOLO Se ho da far da omo, bisogna, che me marida.

ZAMARIA Maridève.

MOMOLO Me mariderò, se sta cara zoggia me vol. (a Polonia)

POLONIA Sior sì: adesso, co sto poco de fondamento, ve sposerò!

MARTA Oh! via, le candele se brusa. Prencipiemo a balar.

ZAMARIA Siora sì, subito; ma avanti de prencipiar: putti, destrighève, dève la man. (a Anzoletto e Domenica)

ANZOLETTO Son qua, con tutta la consolazion.

DOMENICA Son fora de mi da la contentezza.

ANZOLETTO Mario, e muggier. (si danno la mano)

BASTIAN Sior Anzoleto, novamente me ne consolo. Andè a bon viazo, e no ve desmenteghè de nu.

ANZOLETTO Cossa dìsela mai, caro sior Bastian? Mi scordarme de sto paese? De la mia patria? Dei mii patroni? Dei mii cari amici? No questa la prima volta, che vago; e sempre, dove son stà, ha portà el nome de Venezia scolpìo nel cuor; m'ho recordà delle grazie, dei benefizi, che ho recevesto; ho sempre desiderà de tornar; co son tornà, me stà sempre de consolazion. Ogni confronto, che ho avù occasion de far, m'ha sempre fatto comparir più belo, più magnifico, più respetabile el mio paese; ogni volta, che son tornà, ho scoverto de le belezze maggior; e cussì sarà anca sta volta, se 'l Cielo me concederà de tornar. Confesso, e zuro su l'onor mio, che parto col cuor strazzà; che nissun allettamento, che nissuna fortuna, se ghe n'avesse, compenserà el despiaser de star lontan da chi me vol ben. Conservème el vostro amor, cari amici, el Cielo ve benedissa, e ve lo diga de cuor.

MARTA Via, no parlemo altro. No disè altro, che debotto me contaminar. Sior Zamaria, prencipiemo a balar.

ZAMARIA Un momento de tempo. La lassa, che destriga un'altra picola facendetta, e po son con ela. Madama. (chiamandola)

MADAMA Que voulez-vous, monsieur? (s’alza)

ZAMARIA Favorì de vegnir qua.

MADAMA Me voici à vos ordres.(s’accosta)

ZAMARIA Mia fia maridada.

MADAMA Madame, monsieur.(a Domenica e Anzoletto) Je vous fais mon compliment.

ZAMARIA Se volè, se podemo sposar anca nu.

MADAMA Quel bonheur! quel plaisir! que je suis heureuse, mon cher ami!

ZAMARIA Voleu, o no voleu, in bon italian?

MADAMA Voici la main, mon petit coeur. (gli la mano)

ZAMARIA Mario, e muggier.

MADAMA Ah mon mignon! (a Zamaria)

MOMOLO Fermève. Con un ambo se vadagna poco. Siora Polonia, ghe vol el terno.

POLONIA Ho capio. Me voressi sposar co sto sugo?

MOMOLO Sti altri con che sugo s'àli sposà?

ZAMARIA Via, siora Polonia, anca vu quel, che avemo fatto nu.

POLONIA Me conséggielo, che la fazza?

ZAMARIA Sì, ve conseggio, e me sarà de consolazion.

POLONIA Co l'è cussì, son qua co volè. (a Momolo)

MOMOLO Mia muggier.

POLONIA Mio mario.

MARTA Bravi.

LAZARO Pulito.

ANZOLETTO Me ne consolo.

MOMOLO Fermève. Che ho prencipià a far giudizio.(serio)

ZAMARIA Oh! adesso andémo a balar.

DOMENICA Andémo, che anca mi balerò de cuor. Mi circa l'andar via no serve, che diga gnente: ha dito tanto che basta sior Anzoleto. Digo ben, che anca mi son piena de obligazion con chi m'ha fatto del ben, e che se degna de volerme ben. Andémo, fenimo de gòder una de ste ultime sere de carneval. Signori con tanta bontà n'avè favorio; vualtri, che avezzi a gòder de le belissime sere de carneval, ve parla muffa la nostra? Compatìla, ve supplico, compatìla almanco in grazia del vostro povero dessegnador.

>


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License