Carlo Goldoni
L'impostore

ATTO PRIMO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Arlecchino e detti.

 

ARL. Chi è? Chi chiama? (uscendo dall'osteria)

BRIGH. Ve saludo, galantomo.

ARL. Servitore umilissimo. (Oimè! soldadi. Bisogna cavarse con politica). (da sé)

BRIGH. Siu vu el padron dell'osteria?

ARL. Signor no, védela. Son un garzon. (Politica). (da sé)

BRIGH. (Furbo, te cognosso). (da sé) El patron dov'elo?

ARL. L'è andà per certi interessi.

BRIGH. Avì comodo nella vostra osteria de alozarme mi co sti galantomeni?

ARL. No in verità, signor, non avemo camere. Questa no l'è miga un'osteria; l'è una povera bettola, dove no se aloza nissun.

BRIGH. Benissimo: magneremo e beveremo, e po per l'alozo qualchedun ne lo darà.

ARL. Me despiase che no ghel patron.

BRIGH. N'importa, caro amigo: se no ghel patron, faremo el fatto nostro, e intanto el vegnirà.

ARL. Ma... ghe dirò, sior, l'ha portà via le chiave della despensa e della cantina: mi no ghe posso dar gnente.

BRIGH. Che chiave? Cossa importa de chiave? Col calzo del schioppo averzo tutte le porte.

ARL. La sappia che el patron l'è andà giust'adesso a provéder del vin, che no ghe n'è gnanca una gozza.

BRIGH. E per cossa portelo via le chiave?

ARL. Perché gh'è una bariletta d'asedo. (Politica). (da sé)

BRIGH. Benissimo, in caso de bisogno se beve anca l'asedo. Andemo, camerade.

ARL. La me compatissa, no ghel patron: mi no posso ricever nissun.

BRIGH. Cossa credì, el me caro sior patron, camerier, o sguattero, che voggiemo vegnir a scroccar? Semo soldadi, semo galantomeni, e volemo pagar.

ARL. Pagar?

BRIGH. Signor sì: pagar.

ARL. Invece de averzer la porta col calzo del schioppo, no se poderia mo véder de farla averzer da un favro con un poco de moneda?

BRIGH. Le monede ghe sarà; no pensè altro.

ARL. Che bella cossa che la sarave el poderle véder!

BRIGH. Lassè che vegna el patron, e se l'intenderemo con lu.

ARL. Quando nol ghlu, ghe son mi; la se l'intenda con mi.

BRIGH. No, caro amigo, coi camerieri no contratto. Lassè che vegna el patron, e se giusteremo.

ARL. Subito che vien el patron...

BRIGH. Subito la sicurezza.

ARL. La fazza conto che el patron sia vegnudo.

BRIGH. Dov'elo?

ARL. Son mi, per servirla.

BRIGH. Bravo, me ne rallegro. Voleva ben dir mi, che avevi ciera da galantomo.

ARL. Obbligatissimo alle so grazie.

BRIGH. Ma perché finzerve el camerier?

ARL. Ghe dirò, sior: son un omo senza superbia; ho fatto per non metterla in suggizion.

BRIGH. Bravissimo; me pias el voster spirito. Andemo dentro, che la discorreremo meggio.

ARL. Ponto e virgola, e tre passi indrio. Dov'è la mia sicurezza?

BRIGH. Sì, volentiera. Eccola qua. Subito. (cerca per le tasche)

ARL. (Politica). (da sé)

BRIGH. Tegnì. (gli un pezzo di carta)

ARL. Coss'ela questa?

BRIGH. Una firma del mio capitanio.

ARL. Da cossa far?

BRIGH. Anderì con questa dall'illustrissimo sior capitanio a farve pagar.

ARL. Con so bona grazia, patron, mi ho da tender ai fatti mìi; non ho tempo da perder; no vôi firme, no conoss capitani; i vol esser quattrini.

BRIGH. Eh via, spicciamola, che la mia zente l'è stracca. Entremo dentro, e sarì pagà.

ARL. Mi ve digh del missier no. Qua ghbona giustizia; el Governator no me comanda d'alozar soldadi, e ghe digh cussì, che sine pecunia non manducabuntur.

BRIGH. (Ti gh'ha rason de no vôi far strepito, perché no se scoverza la magagna). (da sé)

ARL. (Gran mi! Politica). (da sé)

BRIGH. Donca no ne volì alozar?

ARL. Per no tegnirla in tedio, ghe dirò de no.

BRIGH. La conossì l'illustrissimo sior capitanio Orazio Sbocchia?

ARL. Lo conosso, perché l'ho sentì nominar.

BRIGH. No savì che l'ha da esser colonnello d'un reggimento?

ARL. Mi, per dirvela, de sta cossa no me n'importa niente.

BRIGH. Saverè ch'el sior dottor Polisseno ha da esser auditor.

ARL. I me l'ha dito, ma no me n'importa.

BRIGH. E stassera el sior Pantalon gh'ha da pagar una cambial de tremile zecchini.

ARL. Tremile zecchini?

BRIGH. De questo ve ne importa?

ARL. Me n'importeria, se ghe n'avess anca mi la mia parte.

BRIGH. Dem da magnar e da bever, e de quei zecchini ghe n'averì anca vu.

ARL. Dem de quei zecchini, e ve darò da magnar.

BRIGH. Benissimo; doman ve farò véder tanto de borsa.

ARL. E mi doman ve averzirò tanto de porta.

BRIGH. (Furbo maledetto! Pussibile che nol gh'abbia da cascar?) (da sé)

ARL. (Son bergamasco. No i me la ficca). (da sé)

BRIGH. Disim un poco, vu che sì pratico de sto paese, ghe saria nissun che voless vegnir nel nostro reggimento per esercitar l'impiego del vivandier?

ARL. Coss'elo mo el vivandier?

BRIGH. L'è uno che seguita el reggimento per tutto, che porta i so carriazi con pan, vin, carnami, menestre, ovi e cosse simili, e serve i offiziali, i soldadi, e vende la roba el doppio de quel che la val, e se fa ricco in pochi anni, e el vadagna un tesoro.

ARL. E chi lo paga?

BRIGH. Chi lo paga? El cassier del reggimento. El va colle so note alla cassa. E el che se le paghe, el tira i so quattrini un sora l'alter, e no se ghe batte un soldo.

ARL. No se ghe batte un soldo?

BRIGH. I son prezzi fatti. Se paga subito.

ARL. E se vende el doppio?

BRIGH. Siguro. Quel comodo d'aver la roba pronta, fa che se paga el doppio.

ARL. E se paga subito?

BRIGH. Immediatamente. Senza contrasti; dal cassier; un sora l'altro.

ARL. Ghe dirò, signor, se i me credesse abile de servirli, me esebirave mi a sta carica de vivandier.

BRIGH. Anzi vu saressi a proposito più de nissun: ma vu un omo comodo, no vorrè andar via da sto paese.

ARL. Eh, i Bergamaschi, co se tratta de vadagnar, i anderia in cap' al mondo. Vardè pur se el sior colonnello me vol far sto onor.

BRIGH. Col sior colonnello, per dirla, basta una mia parola.

ARL. Animo donca, sior soldado...

BRIGH. No, no soldado, sargente.

ARL. Da bravo, sior sargente, una paroletta per mi.

BRIGH. Veramente questi i è posti, che chi li vol, sol pagar cento, cento e vinti zecchini.

ARL. Oh, co se tratta po de spender, gnanca un soldo.

BRIGH. A mi no m'importa; no tendo a ste cosse. Semo quasi patrioti; lo vói far senza nissun interesse; lassè far a mi.

ARL. Via, anca mi saverò le mie obbligazion.

BRIGH. Vado subito dal sior capitanio, avanti che ghe parla nissun.

ARL. Presto, e pulito.

BRIGH. Ma... quella povera zente cossa ghe n'hoi da far? Feme el servizio, fin che torno, lasseli vegnir drento a repossar.

ARL. Caro sior, gh'ho le mie difficoltà.

BRIGH. No, caro amigo, compatime. No savì far el voster interesse. Se avì da servir el rezimento da vivandier, se avì da dar da magnar a sti soldadi che paga subito, che paga el doppio, non è ben fatto che principiè a far amicizia, a entrarghe in grazia, a farve merito con qualche cortesia?

ARL. Sior sargente, no la parla mal.

BRIGH. Animo donca, femose onor co sti galantomeni.

ARL. Ma che i abbia un poco de descrizion.

BRIGH. Non abbiè paura de niente.(El furbo è cascà). (da sé)

A voi. Attenti. (verso i soldati)

Presentate l'armi. (soldati eseguiscono)

Armi in spalla. (soldati come sopra)

Marciè. (soldati s'avanzano regolarmente)

Alto. (soldati si fermano)

A dritta. (soldati si voltano verso l'osteria)

Marciè. (Brighella, precedendo i soldati, entra nell'osteria; i soldati entrano seguitandolo, ed Arlecchino, facendo del suo bastone a guisa di schioppo, entra esso pure dopo i soldati)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License