Carlo Goldoni
L'impostore

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Ottavio e detti.

 

OTT. Che volete voi da Costanza? (a Flaminio con isdegno, venendo dalla parte opposta)

FLAM. Oh! siete già ritornato?

ORAZ. (Ecco il motivo per cui la fanciulla si è ritirata). (da sé)

OTT. Vossignoria che pretende da mia sorella? (ad Orazio)

ORAZ. Io? Nulla, signore. La domandava il fratello vostro.

OTT. Rispondetemi, sciocco, per qual motivo volevate voi ch'ella qui venisse? (a Flaminio)

FLAM. Voleva che venisse...

ORAZ. (Gli fa de' cenni, perché non parli di lui)

FLAM. No, non voleva che venisse. (non intendendo Orazio)

OTT. Ma se vi ho inteso chiamarla; perché l'avete chiamata? (a Flaminio)

FLAM. L'ho chiamata...

ORAZ. (Come sopra)

FLAM. L'ho chiamata, e non l'ho chiamata. (come sopra)

OTT. (Accorgendosi della soggezione di Flaminio, si volta a un tratto, e vede qualche gesto di Orazio, il quale cerca di coprirlo, componendosi)

ORAZ. (Vorrei uscirne a bene, se io potessi). (da sé)

OTT. Il signor capitano saprà meglio dirmi di questo stolido, per qual motivo accostavasi mia sorella.

ORAZ. Io posso dirvi soltanto il motivo che qui mi ha condotto, ed è la riscossione d'una cambiale di tremìla zecchini.

OTT. Chi la deve pagare?

ORAZ. Il signor Pantalone.

OTT. (Prima ch'egli la paghi, ci voglio essere ancora io). (da sé)

FLAM. Ma che deve importare a voi che venga qui mia sorella? (ad Ottavio)

OTT. Vi ha forse pregato il signor capitano, che la faceste venire?

ORAZ. Signore, io non so nulla, io non l'ho richiesto di questa cosa.

FLAM. Oh, non dite bugie, che il cielo vi castigherà. ( Orazio)

ORAZ. Mi maraviglio di voi. (a Flaminio)

FLAM. Ed io mi maraviglio di mio fratello, che è venuto più presto di quello che doveva venire; che se tardava mezz'ora, voi le avreste parlato, senza che nessuno avesse saputo niente,

ORAZ. Signore, vostro fratello è un pazzo.

OTT. È vero, si conosce che è tale. Ritiratevi un poco, ho da discorrere col signor capitano. (a Flaminio)

ORAZ. (Sono sempre più in impegno. Maledetto amore!) (da sé)

OTT. Fatemi il piacere di ritirarvi. (a Flaminio)

FLAM. State molto qui? (ad Ottavio)

OTT. Pochissimo.

FLAM. Bene; dirò a mia sorella, che quando sarete andato via, potrà venire allora a parlare col signor capitano (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License