Carlo Goldoni
L'impostore

ATTO TERZO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Altra camera remota in casa di Pantalone, con un armadio nel fondo.

 

Flaminio ed Orazio.

 

ORAZ. Caro amico, nascondetemi in qualche luogo.

FLAM. Nascondervi? Perché?

ORAZ. Per fare una burla al signor Pantalone.

FLAM. Una burla?

ORAZ. Sì, per allegria, per divertimento.

FLAM. Vi condurrò a nascondervi in camera di mia sorella.

ORAZ. No, no; qui in queste camere, in questo appartamento, vicino al tetto, non vi è un nascondiglio, un sottoscala, un qualche luogo segreto?

FLAM. Vi potete nascondere... aspettate. (pensando)

ORAZ. Ma fate presto.

FLAM. Nascondetevi nella capponaia.

ORAZ. Eh, scioccherie. Colà mi vederebbono.

FLAM. Volete andare sul tetto?

ORAZ. Sì, anderò sul tetto. Per dove si va?

FLAM. Si va per di qui. (accenna l'alto della stanza)

ORAZ. Ma come?

FLAM. Ci vuole la scala a mano.

ORAZ. E dov'è? Presto.

FLAM. È nell'altra stanza. Volete che la vada a prendere?

ORAZ. Sì, presto, per amor del cielo.

FLAM. Questa burla vi preme assai.

ORAZ. Mi preme, spicciatevi. E sopra tutto, venga chi che sia, non dite nulla che mi sia nascosto.

FLAM. Non dubitate.

ORAZ. Giuratelo.

FLAM. Da fanciullo da bene.

ORAZ. Sento gente. La scala, presto.

FLAM. Subito. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License