Carlo Goldoni
L'amante di sé medesimo

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Il Conte e Donna Bianca.

 

CON.

Avete ancor scacciato dal sen quel rio timore,

Che mi tormenta l'anima?

BIA.

Parlate con amore.

Voi siete di cuor tenero io non l'ho men flessibile;

E poi son donna alfine, di voi più compatibile.

Se tanto non vi amassi, sarei men tormentosa.

Amor mi fa stucchevole, amor mi fa sdegnosa.

Veder sugli occhi miei... ma via, non vo' annoiarvi.

Che non farei meschina, affin di soddisfarvi?

Voi siete il primier uomo, onde ad amare ho appreso:

Voi mi avete nell'anima il primo foco acceso.

E se da voi pretende la ricompensa il cuore,

Sdegno non è che il chiede; ve lo domanda amore. (piange)

Ah, signor, perdonate, se il lagrimar vi spiace.

CON.

No, cara, un pianto tenero è un lagrimar che tace. (restano un poco ammutoliti)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License