Carlo Goldoni
La famiglia dell’antiquario

ATTO PRIMO

Scena Sedicesima. Brighella ed Arlecchino vestito all'armena, con barba finta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sedicesima. Brighella ed Arlecchino vestito all'armena, con barba finta

 

Salotto nell'appartamento del Conte Anselmo

 

BRIGHELLA Cussì, come ve diseva, el me padron l'è impazzido per le antichità; el tól tutto, el crede tutto; el butta via i so denari in cosse ridicole, in cosse che no val niente.

ARLECCHINO Cossa avi intenzion? Che el me tóga per un'antigàja?

BRIGHELLA V'ho vestido con sti abiti, e v'ho fatto metter sta barba, per condurve dal me padron, dargh da intender che si un antiquario, e farghe comprar tutte quelle strazzarìe che v'ho . E po i denari li spartirem metà per uno.

ARLECCHINO Ma se el signor cont me scovre, e inveze de denari el me favorisse delle bastonade, le spartiremo metà per un?

BRIGHELLA Nol v'ha mai visto; nol ve conosce. E po, co sta barba e co sti abiti parì un armeno d'Armenia.

ARLECCHINO Ma se d'Armenia no so parlar!

BRIGHELLA Ghe vol tanto a finzer de esser armeno? Gnanca lu nol l'intende quel linguagio; basta terminar le parole in ira, in ara, e el ve crede un armeno italianà.

ARLECCHINO Volìra, vedìra, compràra; dìghia ben?

BRIGHELLA Benissimo. Arecordéve i nomi che v'ho dito per vendergh le rarità, e faremo pulito!

ARLECCHINO Un gran ben che ghe volì al voster padron!

BRIGHELLA Ve dirò. Ho procurà de illuminarlo, de disingannarlo: ma nol vól. El butta via i so denari con questo e con quello; za che la casa se brusa, me voi scaldar anca .

ARLECCHINO Bravissim. Tutt sta che me recorda tutto.

BRIGHELLA Vardé no fallar... Oh! eccolo che el vien.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License