Carlo Goldoni
La favola de' tre gobbi

PARTE SECONDA

SCENA QUARTA   Madama vestita alla veneziana, e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Madama vestita alla veneziana, e detti.

 

MAD.

Olà, olà, fermeve,

Cossa diavolo feu?

Disè, cossa gh'aveu?

Se ve disè più robba,

La stizza ve farà crescer la gobba.

PARP.

Veneziana gentil, chi siete voi?

CON.

Cercate voi di me?

MAD.

Domando tutti do. Son vegnua qua

Per parte de Madama, mia parona,

A farve reverenza,

E a dirve do parole in confidenza.

PARP.

Dite, dite.

CON.

Parlate.

PARP.

V'ascolto con diletto.

CON.

Mi balza il cor per l'allegria nel petto.

MAD.

La sa che tutti do innamorai

Per éla spasemai.

Anca éla la dise

Che le so raise.

La ve vuol tutti do per so morosi,

Ma ghe despiase assae che siè zelosi.

Savè che zelosia

Dal mondo xe bandia.

No la se usa più. Nualtre donne

Savè che la volemo a nostro modo.

Chi ne sa segondar,

Qualcossa puoi sperar.

Ma chi troppo pretende e xe ustinà,

Lo mandemo ben ben de da Stra.

Donca pensèghe ben:

O amarla in compagnia, se la ve preme,

O andarve a far squartar tutti do insieme.

PARP.

(Il dilemma va stretto).

CON.

(Non v'è la via di mezzo).

PARP.

(O star cheto, o lasciarla!)

CON.

(O soffrire un compagno, o non amarla!)

MAD.

(Son due pazzi a consiglio).

PARP.

(Che faccio?)

CON.

(A che m'appiglio?)

PARP.

Conte.

CON.

Marchese.

PARP.

Che facciamo noi?

CON.

Cosa pensate voi?

PARP.

Penso che si può amare in compagnia.

CON.

Penso al diavol mandar la gelosia.

MAD.

(Eccoli già cangiati.

Affé, ci son cascati).

PARP.

Andate da Madama...

CON.

E ditele in mio nome...

PARP.

Che d'amarla con altri io mi contento.

CON.

Pur che non lasci me, n'ami anche cento.

MAD.

Bravi, cussì me piase,

Star da boni compagni. Za la donna

Gh'à el cuor come i melloni:

Una fetta per un contenta tutti.

Cari i mi cari putti,

Chi crede d'esser solo, se ne mente,

Ché le donne d'un sol no xe contente.

PARP.

Dunque andiam da Madama.

MAD.

No, no, aspettèla qua,

Che za la vegnirà. Lassè che vaga

Mi dalla mia parona

A portarghe sta niova cussì bona.

 

Sieu tanto benedetti,

O cari sti gobbetti!

Staremo allegramente

In pase tra de nu;

Caro quel muso,

Caro colù!

Via che la vaga.

De chi è sti mondi?

Tutti i xe nostri,

Tutto è per nu.

Caro quel gobbo,

Caro colù!

Mi za son donna Betta,

Che gh'à la lengua schietta.

Se vu sarè zelosi,

Redicoli sarè,

E chi è zeloso...

Za m'intendè... (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License