Carlo Goldoni
Il festino

ATTO PRIMO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Il Conte, poi Lesbino.

 

CON.

Balestra non si vede. Trovati ha i sonatori,

E a casa non ritorna col resto di quegli ori.

Dovrian venti zecchini bastar per questa cena.

Ma s'egli non si vede? Che diavol fa? Che pena!

LES.

Signor.

CON.

Tornò Balestra?

LES.

Non è venuto ancora.

È qui di fuori il padre...

CON.

Di chi?

LES.

Della signora.

CON.

Mio suocero? Che vuole? Gli hai detto che ci sono?

LES.

Sì, signor

CON.

Maledetto...

LES.

Signor, chiedo perdono.

CON.

Dovevi dir... che passi... fermati... gli dirai...

Ma no, digli che venga.

LES.

Non l'indovino mai. (parte.)

 

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License