Carlo Goldoni
Il festino

ATTO SECONDO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Madama Doralice, poi Targa.

 

MAD.

Se ama la figlia, e se ama il genero davvero,

Ha da impedir la festa. L'impedirà, lo spero.

La rabbia mi divora, l'invidia mi tormenta;

Ed altro non vi vuole per rendermi contenta.

TAR.

Signora.

MAD.

E tu, che vuoi?

TAR.

Un'imbasciata.

MAD.

Evviva.

TAR.

La marchesa Dogliata, la baronessa Oliva.

MAD.

Padrone.

TAR.

Ho poi da darle una novella buona.

MAD.

Di che?

TAR.

Sarà contenta oggi la mia padrona.

MAD.

Perché?

TAR.

Perché il sartore l'argento ha ritrovato,

E l'abito stassera l'avremo terminato.

MAD.

Come? Che dici?

TAR.

Il sarto trovò la guarnizione,

L'aveva trafugata un discolo garzone.

Con quattro bastonate l'indegno ha discacciato.

MAD.

E l'abito?

TAR.

Stassera è bello e terminato.

MAD.

Povera me!

TAR.

Signora, dovrebbe in lei rivivere

La gioia, l'allegria.

MAD.

Povera me! Da scrivere.

TAR.

Ma le dame?

MAD.

Le dame... non so che far.

TAR.

Signora,

Dopo che hanno aspettato...

MAD.

Vengano in lor malora. (Targa parte.)

 

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License