Carlo Goldoni
Il festino

ATTO SECONDO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Madama Doralice sola.

 

MAD.

Affé, l'ho fatta bella. L'abito è ormai finito;

Ed io il povero Conte ho messo a mal partito.

Ma in ogni guisa ei merta l'ira e lo sdegno mio;

La festa si faceva senza che vi foss'io.

Ma non potea, per dirla, sottrarsi dall'impegno.

Troppo presto m'accendo! Maledetto il mio sdegno!

Se il suocero impedisce che facciasi il festino?

Bene, sarà cogli altri comune il mio destino.

Ma se la festa segue, grazie alla sorte amica,

Ch'io sia delle scartate non voglio che si dica.

Che dirà don Maurizio, se vedemi al convito?

Dirò che mi ha costretta andarvi mio marito.

Il Conte che dirà, se il suocero gli parla?

Col Conte in due parole m'impegno d'aggiustarla.

Gli scriverò un viglietto, l'avviserò di tutto;

Dirò che d'altra parte il suocero fu instrutto.

Dica quel che sa dire, son pronta all'occasione,

E a forza di gridare io voglio aver ragione.

 

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License