Carlo Goldoni
Il festino

ATTO TERZO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Donna Rosimena  con don Pepe mascherati, e dette col giovine Caffettiere.

 

ROS.

Oh chi vedo! Madama! Oh Baronessa, addio.

Oh Marchesa, anche voi? Che bell'incontro è il mio?

MAD.

Per me posso ben dire che una fortuna è questa,

Per dirvi che senz'altro vi servirò alla festa.

ROS.

Anche don Peppe?

MAD.

Certo.

ROS.

Davver?

MAD.

Ve lo prometto.

ROS.

Don Peppe, noi faremo il nostro minuetto.

MAR.

(Sarà una bella cosa). (alla Baronessa.)

BAR. (

(Bellissima per certo).

PEP.

Madama, favorito son io senz'alcun merto.

MAD.

È gloria mia, signore, servire un cavaliero.

ROS.

Don Peppe è tanto buono! è tanto un uom sincero!

Vi ricordate voi quando in commedia han fatto

L'Uomo sincero? Egli era di don Peppe il ritratto.

BAR.

Sì, sì, me ne ricordo di quella commediaccia.

Vi è piaciuta?

ROS.

Sì certo.

BAR.

Davver, buon pro vi faccia.

ROS.

Mi piace tanto tanto sentir parlar latino;

Mi fa crepar di ridere quel bel don Pirolino.

MAD.

Ma qui si torna sempre al proposito antico.

Sempre, sempre commedie.

MAR.

Questo è quello ch'io dico.

Finiamola una volta.

BAR.

Andiam, che il tempo vola.

ROS.

Don Peppe, andiamo a casa a dirlo alla figliuola.

MAD.

Ecco il mio mascherotto. (viene chi l'ha accompagnata.)

MAR.

Or siete accompagnata.

MAD.

Amiche, ci vedremo. (Alfin l'ho superata.

Andrò alla festa, e androvvi con grazia e con decoro.

Un po' di buona testa affé val un tesoro). (da sé, e parte con la sua Maschera.)

MAR.

Andiamo, Baronessa.

BAR.

Eccomi, con voi sono.

MAR.

A donna Rosimena domandiamo perdono. (si inchinano.)

ROS.

Serva; ci rivedremo.

BAR.

Ci vedremo al festino.

ROS.

A principiar la festa verrò con don Peppino.

(Madama e la Contessa le ho fisse nel pensiero;

Che sian fra loro amiche, ancor non mi par vero. (alla Marchesa, e parte.)

MAR.

(De' dubbi anch'io ne ho. Ancora ho nella testa

Che senza qualche imbroglio non termini la festa).

ROS.

Andiamo, il mio don Peppe.

PEP.

Vi servo.

ROS.

Senza fallo.

Fra voi e me stassera vedranno Amore in ballo.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License