Carlo Goldoni
Il festino

ATTO QUINTO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

La Contessa e dette.

 

CONT.

Dove si va, Madama? (arrestandola.)

MAD.

Di mio consorte in traccia.

CONT.

Lasciarlo anche un momento per or non vi dispiaccia.

MAD.

Io voglio andar dov'è.

CONT.

Padrona, non si può.

MAD.

Eh sì, che si potrà.

CONT.

Ed io dico di no.

MAD.

A me un affronto?

CONT.

Eh via, Madama, siate buona.

Di tutta questa casa voi siete la padrona.

Offendervi non credo se, per divertimento,

Vi prego don Alessio attendere un momento.

MAD.

Qui vi è qualche mistero.

CONT.

No, certamente, amica.

Quello che fan dentro, volete ch'io vel dica?

D'accordo tutti tre dispongono la cena.

Oh! guardate chi viene. Vien donna Rosimena.

Venite qua, sedete, che ballerem di nuovo.

(A finger m'insegnasti, e fingere mi provo). (da sé.)

MAD.

(Attendo ancora un poco). (siedono.)

BAR.

Ecco la vecchiarella.

MAR.

E vien colla figliuola.

BAR.

E con don Peppe. Oh bella!

 

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License