Carlo Goldoni
Il filosofo inglese

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Emanuel Bluk e detto, poi Gioacchino

 

EMA.

Gioacchino. (chiama.)

GIO.

Che comanda? (esce dalla bottega.)

EMA.

Vi è dello Spettatore

Foglio verun stamane?

GIO.

L'abbiamo. Sì signore.

EMA.

Portalo.

GIO.

Anche il Mercurio porterò, se lo vuole.

EMA.

Non lo voglio. Non perdo il tempo in cotai fole.

È la filosofia mio nume e mio diletto.

Voglio lo Spettatore.

GIO.

Vel porterò.

EMA.

Ti aspetto.

GIO.

(Vuol di filosofia parlare un argentiere.

Quanto farebbe meglio badare al suo mestiere!)

MIL.

Emanuel Bluk, che fate?

EMA.

Oh, Milord, ti saluto.

Pensavo a gravi cose: non ti avevo veduto.

MIL.

(Un'altra specie è questa di filosofi strani.

Il tu lo danno a tutti: lo danno anche ai sovrani).

GIO.

Ecco il richiesto foglio. (a Emanuel.)

EMA.

Bene.

GIO.

Ed or, se volete,

Vi porterò il caffè.

EMA.

Non bevo senza sete. (Gioacchino si ritira nella sua bottega.)

MIL.

Il caffè non per sete, amico, si suol bere,

Ma per trattenimento, per uso e per piacere.

EMA.

Trattenimento è questo dei sciocchi e degli oziosi

Le cose per piacere non le fan che i viziosi.

MIL.

A me pure è diretto lo stil poco opportuno.

EMA.

Quando parlo di tutti, io non escludo alcuno.

MIL.

La verità, nol nego, ogni virtute avanza;

Ma separare il vero si può dall'increanza.

EMA.

Tu sei un uomo ricco, tu sei nobile nato,

Ma fosti d'una pasta, come son io, creato.

Filosofia distingue gli sciocchi dai sapienti;

Quel che creanza chiami, è ambizion delle genti.

MIL.

Ma tutti quei che sono nell'etica iniziati,

Non usan per virtute di fare i malcreati.

EMA.

Trovami un uom che sappia, un uomo illuminato

Che pensi alla tua foggia.

MIL.

Amico, io l'ho trovato.

EMA.

Chi è costui?

MIL.

Un uom saggio, che i suoi doveri intende:

È Jacobbe Monduill, ch'è dotto e non pretende.

EMA.

Jacobbe Monduill è un ciarlator bugiardo,

Chiamato per ischerno filosofo bastardo.

Delle passioni umane altrui vuol porre il freno,

Ed ei le ha mascherate, ma le coltiva in seno.

Di madama Brindè pazzo, scorretto amante,

Fa il precettore in piazza, ed in casa il galante.

MIL.

Come! Jacobbe aspira della Brindè all'affetto?

EMA.

Non vi aspira, il .

MIL.

(Ah, mi pone in sospetto). (da sé.)

EMA.

Egli, quell'uomsaggio, molle del pari e avaro,

Della vedova insidia il cuore ed il danaro.

E l'ignorante volgo, che a tutto presta fede,

Quel ch'è passione in loro, virtù figura e crede.

MIL.

Qual fondamento avete per sostener tai detti?

EMA.

Lo so. Questo ti basti.

MIL.

Ponn'essere sospetti.

EMA.

Non mentono i miei pari. Quando per noi si dice

Questa tal cosa è vera, nessun ci contradice.

Una parola nostra val più di un istrumento,

La che a noi si presta, prevale al giuramento.

Jacobbe è un menzognero. È ver, perché io lo dico.

(Jacobbe è un temerario. Jacobbe è un mio nemico). (da sé; entra nella bottega del caffè.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License