Carlo Goldoni
Il filosofo inglese

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Emanuel Bluk e detto.

 

EMA

(Sempre egli è qui costui). (da sé, osservando Jacobbe.)

JAC.

(Ecco il fratel di quello). (da sé, vedendo Emanuel.)

EMA.

Buon giorno. (a Jacobbe.)

JAC.

Vi saluto. (si cava il cappello.)

EMA.

In testa il tuo cappello.

Queste son cerimonie, le quali in capo all'anno

Consumano i cappelli, e apportano del danno.

JAC.

Se tutti, come voi, avesser tal pensiero,

L'arte de' cappellai si ridurrebbe al zero.

EMA.

Arte non vi è nel mondo più inutile di questa:

Una berretta, un panno basta a coprir la testa.

JAC.

Più inutile di questo parmi un altro mestiere,

Che toglier si potrebbe.

EMA.

E quale?

JAC.

L'argentiere.

EMA.

(Di pungere non cessa, filosofo mordace). (da sé.)

JAC.

(Si cerca la riforma, ma in casa sua dispiace). (da sé.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License