Carlo Goldoni
Il filosofo inglese

ATTO TERZO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Milord Wambert

 

MIL.

Più dell'amor mi punge l'onor, lo sdegno, il petto,

Madama con Jacobbe mi perdono il rispetto.

Noi non sappiamo in Londra, al volgo superiori,

I torti impunemente soffrir degli inferiori.

Vo' vendicarmi, e voglio cercare una vendetta

Che pari sia all'offesa, ma da ragion diretta.

Mi accende in un momento talor feroce sdegno;

Misero allor chi fosse di mie vendette il segno.

Ma la ragion ponendo ai primi moti il freno,

Tempo a risolver prendo, e non mi pento almeno.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License