Carlo Goldoni
Il filosofo inglese

ATTO QUARTO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Milord Wambert solo.

 

MIL.

Satire a me? Jacobbe audace a questo segno?

Non lo credo. Sì poco non temerà il mio sdegno.

Chi sa che gl'impostori?... Leggasi prima il foglio.

Satire a me? Può darsi tanta ignoranza e orgoglio? (legge piano.)

Ah scellerato, indegno, così de' pari miei

Si parla e si canzona? Anima vil, chi sei?

Se a me tu fossi noto... Ma lo saprò, lo giuro;

Nel centro della terra da me non sei sicuro.

Fosse Jacob? nol credo. Ma chi sarà l'audace?

Fosse monsieur Lorino? Ei ne saria capace.

Ma nemmeno: un francese in Londra rifugiato

Non può de' cavalieri parlarsconsigliato.

Ah, se egli fosse... chiunque sarà la mano ardita,

Pagar la tracotanza dovrà colla sua vita.

In ridicolo pormi? Smanio, deliro e fremo.

Elà. (passando al caffè.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License