Carlo Goldoni
Il finto principe

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA   Lindora e Floro

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Lindora e Floro

 

FLO.

Ebben, donna arrogante,

Hai sentito chi sono?

LIND.

Vi domando perdono.

FLO.

Non meriti perdon, vuò castigarti.

LIND.

Signor, son donna alfine:

Compatir mi dovete.

FLO.

Pellegrina, ho burlato:

Non son un cavaliermal creato.

LIND.

Signor principe mio,

Quando burlato ha lei, burlato ho anch'io.

FLO.

Siete ancor persuasa

Ch'io sia il prence Ferrante, e non sia Floro?

LIND.

Io lo sento, io lo vedo:

Ma se in viso vi guardo, ancor nol credo.

 

Quegli occhiettifurbetti,

Dicon sì che Floro siete.

FLO.

Sarò Floro, se il volete,

Ma per poco io lo sarò.

LIND.

Sì, briccon, che quel tu sei.

FLO.

Più rispetto a' pari miei.

LIND.

Perdonate.

FLO.

Chi son io?

LIND.

Il cor mio - mi dice Floro.

FLO.

Arrogante! - io son Ferrante.

LIND.

Siate l'uno, o l'altro siate,

Non negate a me pietà.

FLO.

Pellegrina - vezzosina,

Se volete, avrò pietà.

LIND.

(Oh fatale somiglianza,

Che dubbiosa ancor mi fa!)

FLO.

(La franchezza e l'arroganza

Sempre mai trionferà). (partono)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License