Carlo Goldoni
Il finto principe

ATTO TERZO

SCENA TERZA   Floro, poi Roberto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Floro, poi Roberto

 

FLO.

Costei vuol imbrogliarmi:

Ma se mi riesce il colpo meditato,

Con tutta pulizia sarò sbrogliato.

ROB.

Principe, se col ferro...

FLO.

Ogni trista memoria ormai si taccia,

E pongansi in oblio le andate cose.

Ditemi, in confidenza,

Amate voi Rosmira?

ROB.

Ah che per lei

Smanio, peno, deliro, e son furente.

FLO.

E a me di lei non me n'importa niente.

Vuò che facciam tra noi un negozietto.

Io vi cedo Rosmira,

Cedetemi la dote,

Onde così, senz'altri complimenti,

Saremo tutti due lieti e contenti.

ROB.

Volentier cederei

Qualunque ampio tesoro

Per poter conseguir il bel che adoro.

FLO.

Questa è dunque aggiustata;

La scrittura facciam che parli chiaro:

A voi resti la donna, a me il denaro.

ROB.

Ite, il foglio formate:

Io lo soscriverò.

Quest'è quel che il mio cor brama e sospira:

Vostra sarà la dote, e mia Rosmira.

FLO.

Il negozio più bel non fu mai fatto.

Cambiar con un contratto

La donna nel danar, per quel che sento,

Si chiama guadagnar cento per cento.

 

Con queste femmine

Napolitane

Non ho fortuna,

Non spero amor.

Sian benedette

Le veneziane!

Sono amorose,

Son di buon cuor.

Sì, caro fo,

tutto mio,

Caro el mio coccolo,

Caro el mio ben. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License