Carlo Goldoni
Il finto principe

ATTO TERZO

SCENA DECIMA   Sala.   Cleante e Lindora, poi Crocco

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Sala.

 

Cleante e Lindora, poi Crocco

 

CLE.

Or or verrà qui Floro,

E sposarvi dovrà. Con un inganno

Penso ridurlo, e risparmiar la forza.

Itene in quella stanza. Ivi soffrite

Per poco rimaner sola all'oscuro:

Floro vi sposerà, ve l'assicuro.

LIND.

Grazie a vostra bontà; s'egli mi sposa,

Sia di voi per comando o per consiglio,

Vi prometto donarvi il primo figlio. (entra nella camera)

CLE.

Forse Floro è costui?

CRO.

Servo, eccellenza.

CLE.

Chi sei?

CRO.

Floro son io, per obbedirla.

CLE.

Quello sei che Lesbina

In consorte desia?

CRO.

Così si dice.

(Se Lesbina è la sposa, io son felice).

CLE.

Va tosto in quella stanza:

Ivi la troverai,

E all'oscuro, se vuoi, la sposerai.

CRO.

Vado, signor; di lume io non mi curo.

Ci possiamo sposar anche all'oscuro. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License