Carlo Goldoni
Il finto principe

ATTO TERZO

SCENA UNDICESIMA   Cleante, poi Roberto, poi Lesbina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Cleante, poi Roberto, poi Lesbina

 

CLE.

Imparerà l'indegno

Le femmine a tradir.

ROB.

Principe, è questo

Il foglio in cui Ferrante

A me cede Rosmira.

CLE.

Osservo in questo

I caratteri stessi (tira fuori la carta avuta da Lindora)

Simili a quei di Floro,

Co' quai promise di sposar Lindora.

Ah, comincio a temere

Che il principe Ferrante

Sia veramente estinto,

E che un qualche impostor tal siasi finto.

LESB.

Olà, con sua licenza. (passeggia con aria)

CLE.

Che fai, Lesbina?

LESB.

Anch'io son eccellenza.

CLE.

Come? che dici?

LESB.

Il principe Ferrante,

Giacché la principessa l'ha scartato,

Per non star senza moglie m'ha sposato.

CLE.

Va, che sei pazza.

LESB.

Ecco da lui soscritto

Un foglio bello e buono:

Vedete se di lui la sposa sono. (gli il foglio)

CLE.

Che miro! Il terzo foglio

Ecco soscritto dalla mano istessa.

Ah, l'indegno confessa

Con queste sue scritture

La finzione, l'inganno e l'imposture.

Eccolo che sen viene.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License