Carlo Goldoni
La gelosia di Lindoro

ATTO SECONDO

Scena Quinta. Don Roberto e detta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Don Roberto e detta

 

ROB. Zelinda.

ZEL. (cercando in terra senza voltarsi) Signore.

ROB. La padrona è ritornata.

ZEL. (cerca sul tavolino) Lo so.

ROB. Avrà bisogno di voi.

ZEL. Sì signore. (Dove mai può essere questa lettera?) (cerca fra le camicie)

ROB. Ma chi volete che l'aiuti a spogliare?

ZEL. Vado subito. (torna a cercar per terra)

ROB. Che cosa cercate? Che cos'avete perduto?

ZEL. Niente. (Povera me!) (seguita a cercare)

ROB. Ma voi cercate qualche cosa sicuramente.

ZEL. (da sé) (Che l'avesse presa Fabrizio? Oh sì, senz'altro, sarà egli che l'avrà presa. Voleva dirmelo, e non l'ho lasciato parlare.)

ROB. Ma che diamine avete? non mi rispondete nemmeno?

ZEL. Scusate, signore, eccomi qui. La padrona è venuta? Vado a servirla immediatamente. (in atto di partire)

ROB. Si può sapere che cosa avete perduto?

ZEL. Niente, signore, una cosa da niente.

ROB. E per una cosa da niente v'affannate così?

ZEL. Eh, signore, un animo agitato come il mio, si altera, s'inquieta per ogni picciola cosa. Son fuor di me, non so quel che mi faccia; se il cielo non m'ajuta, io sono all'ultima disperazione. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License