Carlo Goldoni
La gelosia di Lindoro

ATTO SECONDO

Scena Diciassettesima. Mingone contadino, con un cesto di peri, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciassettesima. Mingone contadino, con un cesto di peri, e detti

 

MIN. Signora Zelinda.

ZEL. (arrabbiata) Cosa c'è?

MIN. Tenete questo cesto di peri che manda dalla campagna il signor Don Flaminio...

LIN. Come! Come! Vieni qui. Chi manda questi peri?

MIN. Il signor Don Flaminio.

LIN. A chi li manda?

MIN. M'ha detto di consegnarli alla signora Zelinda.

LIN. Regali di campagna? Finezze ancora dalla campagna? (leva il cesto al contadino con forza)

ZEL. Che bestialità! Che furore!

LIN. (minaccia il contadino) E tu, briccone, sei il portatore de' suoi presenti?

MIN. Io non so nulla, signore. (fugge via)

LIN. Scellerato, indegno, ti arriverò. (prende i peri dal cesto, e li getta dietro a Mingone)

ZEL. Fermatevi, pazzo, stravagante, furioso!

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License