Carlo Goldoni
L'amante di sé medesimo

ATTO QUARTO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Il signor Alberto.

 

ALB.

El ride, el se la gode, ghe par divertimento

Far desperar le putte. Che bel temperamento!

Se mi colla morosa savesse d'aver torto,

E la vedesse a pianzer, sarave mezzo morto.

Delle volte ghe penso, e digo tra de mi:

Coss'è quel che diversi fa i omeni cussì?

L'anima xe l'istessa, e pur l'operazion

Dell'anima è diversa per varie inclinazion.

I corpi? No xei tutti formadi d'una pasta?

L'educazion, la scuola? La fa assae, ma no basta.

I organi che forma sta macchina mortal,

Xe quelli che produse diverso el natural.

No digo za che i sforza le operazion del cuor,

Ma i xe i princìpi veri del sdegno e dell'amor.

Lo so che la rason comanda da regina,

E alle passion resiste, dove la forza inclina;

Ma un omo che abbia fervido el sangue in ogni vena,

A superar la collera el sentirà più pena.

E un altro che no sia de fibre ben complesso,

El sarà per natura pacifico in se stesso.

E mi, che gh'ho le viscere che a tenerezza inclina,

Bisogna dir che gh'abbia le fibre de puina.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License