Carlo Goldoni
La gelosia di Lindoro

ATTO TERZO

Scena Undicesima. Barbara e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Barbara e detto

 

BAR. Serva umilissima. È ella, signore, che mi domanda?

FIL. Sono io che ho l'onore di riverirla e di supplicarla

BAR. In che cosa la posso servire?

FIL. Un amico mio di Genova mi la piacevole commissione di provveder una seconda donna per quel teatro; sapendo io il di lei merito e la di lei virtù...

BAR. (con una riverenza) Mi fa troppo onore.

FIL. S'ella fosse in grado d'accettare l'offerta...

BAR. Dirò, signore... Non la ricuso affatto, ma non posso sul momento accettarla. Ho un mezzo impegno per un altro teatro.

FIL. (da sé) (Col teatro d'amore, e Don Flaminio sarà l'impresario.)

BAR. Aspetto a momenti la risoluzione, e se vi darete l'incomodo di ripassare da me...

FIL. Signora, l'offerta che faccio è poca cosa per voi. Desidero che l'altra recita vi consoli, ch'abbiate una bella parte, e che facciate sempre da prima donna. (fa una riverenza, e parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License