Carlo Goldoni
Il geloso avaro

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Camera di Pantalone con tavolino, bilanciette da oro, e varie monete.

 

Pantalone e Traccagnino.

 

PANT. Traccagnin.

TRACC. Signor.

PANT. Va a véder cossa che fa mia muggier.

TRACC. M'imagino che la starà ben.

PANT. Va a véder se la laora, se la leze, se la scrive, se la sta alla fenestra.

TRACC. E se la fusse al licet?

PANT. Voggio saver cossa che la fa.

TRACC. Gnor sì. (Per el salari ch'el me , ho anca da far el spion). (vuol partire)

PANT. Senti, sora tutto varda ben se la parla segretamente con Argentina. Ascolta tutto, e vienmelo a contar a mi.

TRACC. Ma se quelle do donne le se n'accorze, le me sflazella.

PANT. De cossa gh'astu paura?

TRACC. Delle so ongie e della so lengua: colle ongie le sgraffia, e colla lengua le pela. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License