Carlo Goldoni
L'amante di sé medesimo

ATTO QUARTO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Madama Graziosa ed il sudetto.

 

MAD.

Signor, la riverisco.

ALB.

(La tenerezza a monte). (da sé)

Padrona.

MAD.

Mi sa dire, se ci sia il signor Conte?

ALB.

El giera qua za un poco. Comàndela che el chiama?

MAD.

signore.

ALB.

Ho da dirghe da parte de una dama?

MAD.

Come comanda lei; dica la commissaria.

ALB.

(Adesso la cognosso. Una dama ordinaria). (da sé)

MAD.

La prego, perché ho fretta.

ALB.

Se mai el me domanda,

Vorla che se ghe diga, cossa che la comanda?

MAD.

Vo' dirgli una parola.

ALB.

La compatissa; a caso

La porla confidar? Za la sappia che taso.

MAD.

Voglio parlar con lui, caro signor garbato.

ALB.

In verità in sto ponto me xe vegnù el mio flato.

No posso camminar, co me vien sto dolor.

MAD.

Ma io gli vo parlare.

ALB.

L'aspetta un servitor.

MAD.

Voi non siete di casa?

ALB.

Son ospite anca mi.

MAD.

Ospite!... Forastiere?

ALB.

Giusto, cussì e cussì.

MAD.

Lo conoscete il Conte?

ALB.

L'è stà qua fin adesso;

E po semo do amici che forma un cuor istesso.

Quel che sa lu, so mi; quel che mi so, lu sa.

La se pol confidar con tutta libertà.

MAD.

Volea dirgli una cosa.

ALB.

Xela mo d'importanza?

MAD.

Sì: gli voleva dire, ch'è un uom senza creanza.

ALB.

Fin qua me dago debito de dirghelo a pontin.

Ma la prego, per grazia, spiegarme sto latin.

MAD.

Fatemi voi giustizia, se siete quel che siete.

Io son la commissaria, questo già lo sapete.

ALB.

Eh, lo so. (inchinandosi)

MAD.

Or sappiate, che gli ho mandato un foglio

Per certa protezione, per via d'un certo imbroglio.

Il lacchè glielo porta di donna Bianca in faccia,

Ed egli, senza leggerlo, va in collera e lo straccia.

Oh, s'ero presente, gli avrei menato un pugno.

ALB.

(Adesso so el perché l'amiga ha fatto el grugno). (da sé)

Veramente l'ha fatto un'azion poco bona.

La lassa far a mi; ghe parlerò, patrona.

MAD.

Ma fatemi la grazia almeno di chiamarlo.

ALB.

Mo per cossa?

MAD.

Per niente. Solo per strapazzarlo.

Per dirgli impertinente, uomo senza rispetto,

Senza riputazione, bugiardo e maledetto.

.

Crédela che el sia muto? El ghe responderia.

MAD.

Cosa potria rispondere, davanti a una par mia?

ALB.

Che in fazza soa el tasesse, sperar se poderave;

Ma mi, se fusse in elo, so che responderave.

MAD.

Cosa direste voi, se foste nel suo caso?

ALB.

Dirò per obbedirla; la senta se ghe piaso.

Diria, se fusse in elo: padrona reverita,

La parla troppo franca, la parla troppo ardita.

Se vede la so nascita dal so parlar istesso,

E se de più no digo, che la ringrazia el sesso.

Se ho strazzà quella lettera, ho avù le mie rason.

Ste cosse le dissimula chi gh'ha reputazion.

Se cerca con politica destruzer el sospetto,

E no se vien in pubblico a perder el concetto.

A matte de sta sorte la corda è necessaria.

Servitor umilissimo, signora commissaria. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License