Carlo Goldoni
Il geloso avaro

ATTO SECONDO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Donna Eufemia ed Argentina, poi Traccagnino che torna.

 

EUF. Bene, signorina, che vuol dire Traccagnino del suo ducato? Che mistero vi è sotto?

ARG. Sentite che pretensione ridicola ha colui. Il signor Dottore, come sapete, mi ha donato un ducato; l'ho detto così per modo di discorso a Traccagnino, e egli pretende ch'io gliene dia la metà.

EUF. Con qual fondamento lo pretende?

ARG. Perché è un sciocco; ma un sciocco malizioso.

EUF. Quello mio padre l'ha dato a te, ed è roba tua.

TRACC. Signora patrona, la me bastona, che la gh'ha rason.

EUF. Perché? Che hai tu fatto?

TRACC. No m'ho recordà gnanca una parola de quel che la m'ha dito de dir a Brighella.

EUF. Bravissimo! al tuo solito. Mio marito spende bene con te il suo denaro.

TRACC. El ghe ne spende tanto pochetto.

EUF. Ora con colui cosa si farà?

TRACC. Mi diria debolmente, che ella in persona ghe disesse la so rason.

ARG. Traccagnino non dice male; la risposta anderà più a dovere.

EUF. Che infelicità con costoro! Fallo passare.

TRACC. Gnora sì.

ARG. Domanda, Traccagnino, alla padrona del ducato. È vero, signora, che è tutto mio, che a Traccagnino non ne tocca?

EUF. Certamente: questa è giustizia.

TRACC. De sta sentenza me ne appello.

ARG. A qual tribunale?

TRACC. Al tribunal delle patrone che no recusa i regali. (parte)

ARG. (Maledetto!) (da sé) Costui è uno stolido. Non sa che diavolo si dica.

EUF. S'egli è sciocco, non l'esser tu. Bada bene a non mi mettere in qualche impegno.

ARG. Oh, signora mia, per me non c'è dubbio. Sapete la mia delicatezza in proposito di queste cose. Se vedessi l'oro tant'alto, non c'è dubbio che io vi parli.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License