Carlo Goldoni
Il geloso avaro

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Donna Eufemia e Pantalone.

 

PANT. Se te chiappo...

EUF. (È alterato; sarebbe meglio ch'io me ne andassi). (da sé)

PANT. (Un bacil de cioccolata!) (da sé)

EUF. Io me n'anderò, se vi contentate.

PANT. Siora no. (Anca el bacil!) (da sé)

EUF. (Principia a farmi paura). (da sé)

PANT. Quel staffier che ha portà sta cioccolata, gera un pezzo che el gera qua?

EUF. Non era molto.

PANT. No gera molto. L'ha parlà con vu un pezzetto però.

EUF. Voleva lasciar il bacile senza di voi, ed io non l'ho voluto ricevere.

PANT. Se el cercava de mi, che necessità ghe gera che el vegnisse in te la vostra camera?

EUF. È stato quello sciocco di Traccagnino: io non ne ho colpa.

PANT. La patrona no ghe n'ha colpa. Eppur sta cioccolata, sto bacil, ghe zogheria che nol vegniva a mi.

EUF. Avete pur sentito che cosa ha detto Brighella.

PANT. Ghe son dreto anca mi la mia parte. Ella l'ha dito che el regalo vegniva a mi. El s'ha taccà al partìo; e se crede che mi l'abbia bevua.

EUF. Ma caro signor Pantalone, compatitemi, con tali sospetti in mente perché prendere il bacile e la cioccolata?

PANT. L'ho fatto per politica. Perché no se veda quel bacil a tornar fora de sta casa; perché el visinato no mormora; e anca per non entrar in qualche impegno con don Luigi, che el xe un omo bestial.

EUF. Non so che dire. Tutto quello che fate voi, è ben fatto.

PANT. E tutto quel che fe vu, xe mal fatto; e una donna senza giudizio, una femena senza reputazion.

EUF. Come? Per qual ragione mi dite questo?

PANT. Perché se a don Luigi no gh'avessi qualche bona speranza, nol ve mandarave i regali.

EUF. Ma non avete detto che ve l'averà mandato per indurvi a prestargli qualche denaro?

PANT. Scuse magre. Se el gh'avesse bisogno de bezzi, nol comprarave i bacili d'arzento. Scuse magre, ve torno a dir.

EUF. Questa non è mia scusa, è stato un vostro pensamento.

PANT. Busiara! falsa! frascona!

EUF. Voi m'ingiuriate a torto.

PANT. Se no vegniva a casa mi, el bacil se scondeva.

EUF. Non è vero.

PANT. No xe vero? a mi se responde no xe vero? No so chi me tegna...

EUF. Ammazzatemi una volta, e levatemi da queste pene.

PANT. Sì, ve coperò.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License