Carlo Goldoni
Il geloso avaro

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Traccagnino e detto.

 

TRACC. Sior patron.

PANT. Cossa vustu? (copre)

TRACC. Una visita.

PANT. Che visita? adesso no recevo visite. Ho da far, no posso recever nissun.

TRACC. Ah sior patron...

PANT. Cossa gh'è?

TRACC. L'è un odor che me consola el cuor.

PANT. Va via de qua.

TRACC. Za che patisse la gola, lassè almanco che se consola el naso.

PANT. Gola de porco, va via de qua.

TRACC. Pazenzia!

PANT. Chi xe che me domanda?

TRACC. El sior don Luigi, quello che gh'ha mandà...

PANT. No lo posso recever. Dighe che no posso, che el me perdona... no lo posso recever.

TRACC. Ghe lo dirò. Sior patron...

PANT. Cossa vustu?

TRACC. Almanco una nasadina, per carità.

PANT. Presto, va da don Luigi, che nol vegnisse avanti. El sarave capace de farlo. Dighe che sarò da ello.

TRACC. Sior sì. (Ghe ne vôi magnar, se ghe fusse la forca). (da sé, parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License