Carlo Goldoni
Il geloso avaro

ATTO SECONDO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Don Luigi e Pantalone.

 

LUI. Giuro al cielo, mi avete fatta un'azione indegna.

PANT. Mi? cossa gh'oio fatto? No l'ho lassà qua con mia muggier? Mi no son zeloso.

LUI. Siete stato ad udirci dietro d'una portiera.

PANT. No xe vero.

LUI. Non è vero? Uomo incivile! Non siete degno d'una moglie di quella sorta; e giuro al cielo, voi non la possederete più lungamente.

PANT. Vorla fursi...

LUI. Voglio farvi vedere chi son io, chi è vostra moglie, e chi siete voi. Sì, io sono un uomo d'onore, vostra moglie è una savissima donna, e voi...

PANT. E mi?

LUI. E voi siete un indegno. (parte)

PANT. Corpo de bacco! le xe cosse che le me fa vegnir rabbia. Se el precipitar no costasse bezzi, vorria far véder chi son. Sento che la collera me soffega. Presto, un poco de sto spirito. Sta bozzetta che la sia d'oro? Voggio andarla a toccar colla piera de paragon. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License