Carlo Goldoni
Il geloso avaro

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Donna Aspasia e dette.

 

ASP. Amica, compatitemi se vengo innanzi.

EUF. (Ci mancava costei). (da sé)

ARG. Signora, se avesse chiamato, sarei venuta a servirla.

ASP. Ho chiamato benissimo, e nessuno ha risposto.

ARG. Se avesse chiamato, non siamo sorde.

EUF. Chetati.

ASP. Donna Eufemia, avete una cameriera insolente.

ARG. Se non le piaccio, non mi dia il salario. (a donna Aspasia)

EUF. Sta in cervello, ragazzaccia.

ASP. Mi meraviglio come la soffrite.

EUF. Animo. Dalle da sedere.

ARG. (La farei seder volentieri sulla cima d'un campanile). (da sé)

ASP. Mi parete turbata donna Eufemia.

EUF. Sì, sono turbata assaissimo.

ARG. Servita della seggiola. (sostenuta, a donna Aspasia)

ASP. Scusi, signora, se l'ho incomodata. (ad Argentina)

ARG. (E meglio ch'io vada via. Mi sento troppo la gran volontà di pettinarla). (da sé, e parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License