Carlo Goldoni
Il geloso avaro

ATTO TERZO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Giannino e detti.

 

GIANN. Presto, signor padrone

DOTT. Che vi è di nuovo?

GIANN. Mi manda il notaro Malazzucchi... Lo conosce il notaro Malazzucchi?

DOTT. Sì, lo conosco; che vuole da me?

GIANN. Presto, non vi è tempo da perdere

DOTT. Ma dimmi che vi è di nuovo.

GIANN. M'ha detto ch'io cerchi di vossignoria, che lo trovi subito: manco male che l'ho trovato.

DOTT. E bene?

GIANN. Mi lasci prendere un poco di fiato

DOTT. Ma sbrigati, se vi è qualche cosa di premura.

GIANN. M'ha detto che avvisi vossignoria subito, ma subito, subito.

DOTT. Subito?

GIANN. Che in questa casa... La padrona averà paura.

DOTT. Di chi?

GIANN. Il signor notaro Malazzucchi manda ad avvisare il padrone, che in questa casa ora, subito, in questo punto, vengono trenta sbirri.

EUF. Birri in casa mia? Ah povera me! (parte)

DOTT. Sentite, fermatevi. I sbirri? E tanto vi voleva a dirlo a Eufemia? (parte)

LUI. Son qui, non vi abbandono, sono in vostro soccorso. (parte)

ASP. Sono venuta a tempo per vedere una bella scena. (parte)

GIANN. Capperi! la cosa preme. Ho fatto bene io a dirglielo presto; quando preme, so far le cose come van fatte. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License