Carlo Goldoni
Il geloso avaro

ATTO TERZO

SCENA DICIANNOVESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIANNOVESIMA

 

Pantalone solo.

 

PANT. Mia muggier coll'auditor... e per questo? mia muggier xe una donna onorata. L'ho scoverta, l'ho cognossua; no ghe voggio pensar. Povero scrigno! questo xe quello che me sta sul cuor. Mi gera combattù da do passion: dalla zelosia e dall'amor dell'oro. La maledetta zelosia la me xe passada, l'amor dell'oro me cresse. Ho venzo la zelosia per rason del disinganno, chi poderà disingannarme che l'oro no sia adorabile? Sì, l'amerò in eterno. In eterno? Ah no, bisognerà lassarlo quando s'averà da morir. Morir? lassar l'oro, lassar l'arzento? Sì, doverò lassarlo! Caro el mio scrigno, che ti me costi tanti spasemi, tanti suori, doverò lassarte? E quando te lasserò, de ti cossa averoggio godesto? che pro m'averastu fatto? Rimorsi, affanni, desperazion. Ti, ti m'ha fatto perder la reputazion; ti me farà perder la vita, ti me farà perder ogni bella speranza: e mi te amerò? e mi te coltiverò? Oro, cossa mai gh'astu de bello? Che incanto xe el too, che innamora la zente! Lassete un poco véder. (apre lo scrigno) Sì, ti xe bello, ti xe lusente, ti xe raro: ma se te devo lassar? Ti ti provvedi a tutti i nostri bisogni: ma se de ti no me servo, ma se quando morirò ti me sarà de peso, ti me sarà de tormento! Maledettissimo oro! Va al diavolo. Voggio abbandonarte avanti che ti me abbandoni. Va , prezzo infame delle mie tirannie. Va, va, che el diavolo te porta via. (getta lo scrigno in terra, e spande il denaro) Oimè! el mio oro, el mio cuor, le mie vissere. Me sento morir; no posso più. Aiuto! (gridando si getta a sedere svenuto)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License