Carlo Goldoni
Le femmine puntigliose

ATTO PRIMO

Scena Terza. Don Florindo, poi Pantalone

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Don Florindo, poi Pantalone

 

Don Florindo - Bel negozio che ho fatto a prendere questa signora sposa! Ella mi ha dato una ricca dote, ma credo che al terminar dell'anno sarà finita.

Pantalone - Sior don Florindo, mio patron reverito.

Don Florindo - Buon giorno, il mio caro signor Pantalone.

Pantalone - Son vegnù a reverirla, e in tel medesimo tempo a dirghe che ho recevesto la lettera d'avviso per pagarghe i mille zecchini, a tenor della lettera de cambio, che gieri lu m'ha fatto presentar.

Don Florindo - Non v'era bisogno che per questo v'incomodaste, mentre ieri, anche prima della lettera d'avviso, avete con bontà accettata la mia cambiale.

Pantalone - Gh'ò tanta stima per la so degna persona, gh'ò tanto credito alla so dita, che anca senza lettera de cambio l'averia servida, se la s'avesse degnà de comandarme.

Don Florindo - Vi sono molto tenuto per la bontà che mi dimostrate.

Pantalone - La sarave bella! Semo stai tanto amici col sior Anselmo so barba, che gierimo, se pol dir, fradei. Quello el giera un omo! Quello ha fatto i bezzi! Con mille ducati, che gh'ha so pare, in manco de dies'anni, l'ha fatto un capital de cinquantamille.

Don Florindo - Veramente a mio zio Anselmo ho tutta l'obbligazione.

Pantalone - Credo de sì, l'ha lassà tutto a ella, co l'è morto; el giera la prima dita de sti paesi, e ella, la me permetta che ghe diga, se la seguiterà el bon ordene de so sior barba, la sarà un dei primi mercanti della Sicilia.

Don Florindo - Io, caro signor Pantalone, sono in grado di non aver più bisogno di far il mercante. Ho tanti capitali, ho tanti crediti, ho tanto danaro in cassa da poter vivere comodamente senza continuare la mercatura.

Pantalone - La me perdona, se me avanzo troppo. Cossa gh'àla d'investìo?

Don Florindo – Oh, poco! A riserva d'un bel palazzo per villeggiare, con tre o quattro campi tirati a giardino; non ho poi compratoterreni, né case.

Pantalone - La senta, e l'ascolta un omo vecchio, pratico delle cosse del mondo, e interessà per i so vantazi. I bezzi i se spende, e quando che in tel scrigno se cava, e no se mette, presto se ghe vede el fin. La mercanzia la val poco in te le man de chi no seguita a negoziar; e i crediti i gh'ha la so gran tara, e no se scuode quando che se vol. Vogio mo dir che, continuando a negoziar, la pol mantegnir e aumentar i bezzi e el capital; che lassando el negozio, la pensa almanco a investir, per non aver un zorno da suspirar. La xe zovene, la xe novizzo, probabilmente l'averà dei fioi, a questi, anca solamente previsti, semo obbligai a pensar. La fazza conto de ste parole, e la le receva da un omo, che per etae, per amor e per debito, se protesta d'esserghe come pare.

Don Florindo - Caro il mio amatissimo signor Pantalone, voi siete pieno di bontà per me, vi ringrazio de' salutevoli documenti, e vi prometto di porli in pratica.

Pantalone - Quando la crede che mi ghe diga la verità, e che la sia persuasa de voler mantegnir in credito la so dita, mi la conseggio andar al so paese, tender ai so negozi, e seguitar le pratiche e le usanze e le corrispondenze de so sior barba.

Don Florindo - Ho i miei ministri, che agiscono in mia vece.

Pantalone - I ministri i xe bei e boni; ma col paron no gh'abbada, le cosse no le va mai ben. Tutti cerca el proprio interesse, e pochi xe quei che s'impegna con zelo e con calor in favor dei so principali.

Don Florindo - Quanto prima tornerò a Castellamare; ma giacché sono in Palermo, non è giusto ch'io parta senza far vedere alla mia sposa le cose principali della città.

Pantalone - Se la comanda, mi la farò servir.

Don Florindo - Vi vorrebbe qualche signora, che si prendesse l'incomodo di accompagnare mia moglie.

Pantalone - Gh'ò una nezza maridada in t'un dei primi mercanti. La gh'ha carrozza, la gh'ha staffieri, la la servirà ella.

Don Florindo - Ma poi, s'anderà in veruna conversazione?

Pantalone - M'impegno, che i ghe farà tre o quattro sontuose conversazion, e che la sarà trattada, come una principessa.

Don Florindo - Quand'è così, riceveremo le vostre grazie.

Pantalone - Vado subito a avvisar mia nezza.

Don Florindo - Trattenetevi un momento, tanto che avvisi di ciò la mia sposa. Ehi, signora Rosaura? (la chiama)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License