Carlo Goldoni
Le femmine puntigliose

ATTO PRIMO

Scena Quarta. Donna Rosaura nell'altra camera, e poi esce, e detti; poi Brighella

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Donna Rosaura nell'altra camera, e poi esce, e detti; poi Brighella

 

Donna Rosaura - Cosa volete? (di dentro)

Don Florindo - Favorite, venite qui, che vi ho da parlare.

Donna Rosaura - Non vi è nessuno che alzi la portiera? (come sopra)

Don Florindo - Non vi è nessuno.

Pantalone - Gh'àla mal ai brazzi? La servirò mi. (alza la portiera)

Donna Rosaura - Obbligatissima alle sue grazie. (esce)

Don Florindo - Il signor Pantalone è tutto bontà, tutto gentilezza. Sentite le belle esibizioni ch'egli ci fa. Ci offerisce la buona grazia d'una signora sua nipote, la quale ci favorirà colla sua carrozza, e ci introdurrà alla conversazione.

Donna Rosaura - È dama questa sua nipote? (a Pantalone)

Pantalone - No la xe dama, ma la xe una delle prime mercantesse de sta città.

Donna Rosaura - Va alla conversazione delle dame?

Pantalone - La va alle conversazion de par soo, de signore tutte oneste e civili; signore che non xe nobili, ma che gh'ha dei soldi.

Donna Rosaura - Signor Pantalone, la riverisco. (vuol partire)

Pantalone - Come! No la se degna de lassarse servir da mia nezza?

Donna Rosaura - Sì, anzi mi farà piacere. (sprezzante)

Pantalone - Vago subito a dirghe che la se prepara per vegnirla a riverir.

Donna Rosaura - No, no, per oggi non s'incomodi. Mi duole il capo.

Pantalone - Donca la vegnirà doman.

Donna Rosaura - Se starò bene, vi avviserò.

Pantalone - Mo gh'àla mal?

Donna Rosaura - Mi duole il capo. Non posso nemmeno sentir parlare.

Pantalone - Co l'è cussì, per non disturbarla de più, vago via.

Donna RosauraScusi, di grazia. Quando mi duole il capo non so che cosa mi dica.

Pantalone - Me despiase infinitamente. Sior don Florindo, bisogna remediarghe; no sentela, che alla sposa ghe dol la testa?

Don Florindo - Lo so pur troppo. (Mia moglie ha il suo male nella testa, e mi dispiace, che non vi è rimedio). (da sé)

Brighella - Lustrissima, el sior conte Lelio desidera de reverirla. (a Rosaura)

Donna Rosaura - Venga, è padrone. (a Brighella, che parte)

Pantalone - Mo se ghe dol la testa, come farala a sentirlo a parlar? (a Rosaura)

Donna Rosaura - La ragione per cui egli viene, interessa tutte le mie premure. Fate una cosa, signor Florindo, servite in un'altra il signor Pantalone, e lasciatemi col conte Lelio a trattar l'affare che voi sapete.

Don Florindo - Ma non potremmo noi prevalerci del signor Pantalone, che ci esibisce una sua nipote?

Donna Rosaura - Mi maraviglio di voi. Sapete l'impegno in cui sono.

Don Florindo - Signor Pantalone, andiamo, se vi contentate. (stringendosi nelle spalle)

Pantalone - (Poverazzo! El se lassa menar per el naso). (da sé)

Donna Rosaura - (Ehi! per vostra regola, acciò non facciate qualche cattivo giudizio, osservate ho preso le cento doppie). (piano a Florindo, e gli mostra la borsa)

Don Florindo - (Si potrebbero pur risparmiare). (piano a Rosaura)

Donna Rosaura - Son chi sono; voglio così. (adirata)

Don Florindo - Andiamo, andiamo, signor Pantalone. (parte)

Pantalone - (Questi i xe de quei dolori de testa che patisse le mugier, co le gh'ha per marii de sta sorta de mamalucchi). (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License