Carlo Goldoni
Le femmine puntigliose

ATTO PRIMO

Scena Quindicesima. La contessa Beatrice, la contessa Clarice, Donna Rosaura, il conte Onofrio e il conte Lelio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quindicesima. La contessa Beatrice, la contessa Clarice, Donna Rosaura, il conte Onofrio e il conte Lelio

 

Donna Rosaura - La carrozza della signora contessa Clarice non è ancor venuta, onde per non farla maggiormente arrossire colla mia conversazione, anderò via, se mi date licenza. (a Beatrice)

Contessa Clarice - Oh cara donna Rosaura, che dite? Voi avete preso in sinistra parte le mie parole. Godo infinitamente della vostra conversazione, e mi rincresce che l'ora è tarda; che per altro vi pregherei lasciarvi servire nella mia carrozza, e vi condurrei per Palermo senza alcuna difficoltà. (Il dirlo non mi costa niente). (da sé)

Donna Rosaura - Mi sorprende questa vostra inaspettata dichiarazione, la quale non corrisponde certamente al trattamento che ho ricevuto sinora da voi e dalla contessa Eleonora.

Contessa Clarice - Oh, in quanto a quella pazza di Eleonora, non occorre abbadarvi. Ella è sempre così. Anzi mi sarò burlata delle sue caricature, e voi avrete creduto, ch'io ridessi di voi. Me ne dispiace infinitamente.

Conte Lelio - (Che femmine accorte! Che femmine maliziose!). (da sé)

Contessa Clarice - (Che dite amica, vi do piacere?). (piano a Beatrice)

Contessa Beatrice - (Vi sarò eternamente obbligata). Posso assicurarvi, signora donna Rosaura, che la contessa Clarice è piena di buon cuore, e non è né superba, né puntigliosa.

Contessa Clarice - Guardimi il Cielo! Voglio bene a tutti. Tratto bene con tutti, e non fo male creanze a nessuno. Anzi, per farvi vedere che fo stima di voi, oggi verrò a visitarvi (a Rosaura).

Donna Rosaura - Sarò infinitamente obbligata alle vostre finezze.

Contessa Beatrice - (Cara amica, quanto vi sono tenuta). (piano a Clarice)

Contessa Clarice - (Lo fo unicamente per voi). (piano a Beatrice)

Conte Onofrio - Ditemi, fate mai venir del salvaggiume dal vostro paese? (a Rosaura)

Donna Rosaura - Sì signore; spessissimo. Anzi ieri sera mi hanno mandato delle starne.

Conte Onofrio - Oh buone!

Donna Rosaura - Due fagiani.

Conte Onofrio - Oh cari!

Donna Rosaura - E due cotorni.

Conte Onofrio - Oh vita mia!

Donna Rosaura - Se volete venir questa sera a favorirmi, li mangeremo insieme.

Conte Onofrio - Sì, vengo, vengo. Quando si tratta di salvaggiume, non mi fo pregare.

Donna Rosaura - Se queste dame si degnassero, lo riceverei per onore.

Contessa Beatrice - Non ricuserei le vostre grazie, ma non so se la contessa Clarice vorrà venire all'albergo.

Contessa Clarice - Cara contessa Beatrice, queste cose non si dicono nemmeno.

Conte Onofrio - Facciamo una cosa. Mandate qui, e si cenerà qui da noi. (a Rosaura)

Donna Rosaura - Questo sarà per voi troppo incomodo.

Conte Onofrio - Niente affatto. Staremo meglio, e con libertà.

Donna Rosaura - E la signora contessa Clarice ci sarà?

Contessa Beatrice - In casa mia spererei non dicesse di no.

Contessa Clarice - Quando non vi sia soggezione, verrò volentieri.

Conte Onofrio - A tavola non ha da venir altri: siamo anche troppi.

Servitore - Illustrissima, è qui la sua carrozza. (a Clarice)

Contessa Clarice - Contessa, a rivederci. (a Beatrice)

Contessa Beatrice - Ricordatevi che vi aspettiamo.

Contessa Clarice - Verrò senz'altro.

Donna Rosaura - Spero di godere anticipatamente le vostre grazie. (a Clarice)

Contessa Clarice - Oggi sarò da voi. (Vi andrò presto, in ora che probabilmente non sarò veduta da alcuna dama) (parte).

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License