Carlo Goldoni
Le femmine puntigliose

ATTO SECONDO

Scena Prima. Don Florindo, Pantalone e Brighella

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO SECONDO

 

Scena Prima. Don Florindo, Pantalone e Brighella

 

Camera prima nella locanda, con bauli e robe su' tavolini.

 

Don Florindo - Subito, Brighella, ma subito, subito, senza perder tempo, va alla posta, fa attaccare al mio carrozzino quattro cavalli, e fa che il postiglione venga qui col legno immediatamente.

Brighella - Ma volela partir subito? Senza disnar?

Don Florindo - Non cercar di più, fa quello, che ti ordino, e torna colla risposta.

Brighella - Vado senz'altro. (Oh che matti! Oh che matti! Qualche volta i troppi bezzi i fa dar volta al cervello). (parte)

Pantalone - Donca la vol andar via?

Don Florindo - Quando ritorna a casa la mia signora consorte, voglio che trovi il carrozzino pronto, e che ritorni meco a Castellamare.

Pantalone - Ma perché sta resoluzion repentina?

Don Florindo - Non voglio soggiacere a maggiori affronti. Ne ho sofferti abbastanza.

Pantalone - Ma, la me perdona, l'esser pontiglioso xe proprio delle donne; vorla esser pontiglioso anca ella?

Don Florindo - Il mio risentimento non può chiamarsi puntiglio, mentre, come voi m'insegnate, il puntiglio non è che una pretensione o ridicola, o ingiusta, o eccedente. Ma io non ho che a dolermi del trattamento che qui ricevo, e voglio assolutamente partire.

Pantalone - Se la se fusse degnada de accettar le mie esibizion, no ghe sarave successo sti inconvenienti.

Don Florindo - Dite bene; quella pazza di mia moglie, col fanatismo della nobiltà in capo, mi vuole esposto agli scherni e alle derisioni.

Pantalone - E ella la xe tanto debole de lassarse guidar da una donna? Da una donna che gh'ha sta sorte de pregiudizi in testa? Da una donna che va cercando el precipizio della so casa?

Don Florindo - Io sono un uomo di bon cuore. Amo mia moglie, e cerco di compiacerla.

Pantalone - Amar la mugier xe una cossa bona; ma no bisogna amarla a costo della propria rovina. Un mario che ama troppo la mugier, e che per sto troppo amor, se lassa tor la man, se lassa orbar, el xe a pezo condizion d'un omo perso per una morosa. Perché della morosa, illuminà che el sia, el se ne pol liberar, ma la mugiera bisogna, co el l'ha segondada a principio, che el la sopporta per necessità; e se la morosa per conservar la grazia dell'amigo qualche volta la cede, la mugier, cognossendo aver dominio sul cuor del mario, la commanda, la vol, la pretende; e el pover'omo xe obbligà a accordarghe per forza quello che troppo facilmente el gh'ha accordà per amor.

Don Florindo - Sentite, signor Pantalone, è vero che amo teneramente mia moglie, come vi ho detto, ma se devo dirvi la verità, non è stato l'amore che ho per lei, che mi abbia unicamente indotto a venir a Palermo.

Pantalone - Xèla vegnua per negozi? La podeva vegnir senza mugier,

Don Florindo - Veramente vi sono venuto più per impegno che per volontà. Quasi tutti i mercanti del nostro rango, prendendo una moglie ricca, e di buon parentado, come la mia, sono in una specie di obbligo di far un viaggio con essa, di condurla in qualche città capitale, per darle divertimento, e per far quello che fanno gli altri.

Pantalone - Questa xe la più forte rason de tutte. Per far quel, che fa i altri, andar in malora per complimento, farse burlar per usanza. Questa xe la rovina dei omeni, questo xe el desordene delle famegie. Per far quel che fa i altri se se precipita, se se descredita. A cossa serve le zoggie che costa un tesoro, e che tien morto un capital, che poderave fruttar? Per far quel che fa i altri. Perché se va in malora? Perché se fallisse? Per far quel che fa i altri. E per far quel che fa i altri s'ha da far mal? Scusa debole, scusa fiacca, che no fa altro che colorir in ti omeni la mala inclinazion. Se volè far quel che fa i altri, no gh'aveu tanti esempi de zente che opera ben, de zente savia e prudente? Perché no feu quel che fa questi, e voleu far quel che fa quei altri? Sior Florindo, ve parlo con amor, con libertà da pare, che ve posso esser. Tolè esempio da i boni, no ve curè de i cattivi. Perché le critiche dei cattivi le finisse presto con rossor de quei medesimi che le fa, e le lode dei boni le credito, le consola, e le stabilisse la quiete dell'omo savio e da ben.

Don Florindo - Voi dite bene, signor Pantalone; ma se sapeste che cosa vuol dire aver una moglie d'intorno, che non s'acquieta mai, forse forse compatireste anche me.

Pantalone - Mi, per grazia del cielo, non ho avù de sta sorte de rompimenti de testa, perché no m'ho mai volesto maridar; ma me par, che se fusse stà maridà, m'averave volesto inzegnar de far a mio modo.

Don Florindo - Ma come avreste fatto?

Pantalone - Con una somma facilità, senza andar in colera.

Don Florindo - Per amor del Cielo, ditemi come avreste fatto?

Pantalone - L'averia lassada dir, senza responderghe e senza abbadarghe.

Don Florindo - E se tutto il giorno vi fosse stata intorno a tormentarvi?

Pantalone - Averia procurà de star con ella manco che fosse pussibile; saria stà in tel mio mezzà, a tender ai mi negozi.

Don Florindo - E se a tavola non avesse fatto altro che rimproverarvi?

Pantalone - Quattro bocconi in pressa, e via.

Don Florindo - E se a letto non vi avesse lasciato dormire, per tenzonare e gridare?

Pantalone - Saria andà a dormir in t'un'altra camera.

Don Florindo - E se vi fosse venuta dietro per tutto a strillare, a mortificarvi?

Pantalone - L'averia bastonada. (con impazienza)

Don Florindo - Bastonare una donna civile?

Pantalone - Bastonarla in una camera serrada, che nissun savesse gnente, per salvar el decoro; ma bastonarla.

Don Florindo - E poi?

Pantalone - E po la sarave vegnua via umile umile come un agneletto.

Don Florindo - Dunque mi consigliereste bastonare mia moglie?

Pantalone - No digo sta cossa. No son capace de darghe sta sorte de conseggi. Ma una cossa ghe avverto, e po vago via. Le donne le xe come la pasta da far el pan, o troppo tenera, o troppo dura, o bazzotta. Co l'è troppo tenera, bisogna manizarla con delicatezza, e metterghe della farina per ridurla a podersene servir. Co l'è bazzotta, ognun xe capace de domarla; ma co la xe dura, ghe vol la gramola, e boni brazzi per gramolar. Sior don Florindo, a bon reverirla (parte).

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License