Carlo Goldoni
Le femmine puntigliose

ATTO SECONDO

Scena Quattordicesima. Pantalone e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Pantalone e detto

 

Conte Ottavio - Riverisco il signor Pantalone.

Pantalone - Servitor devotissimo, sior conte.

Conte Ottavio - Ditemi in grazia, quant'è che non avete veduto il vostro amico, il signor don Florindo?

Pantalone - Da stamattina in qua.

Conte Ottavio - Sapete che sia succeduto alcun disordine in casa sua?

Pantalone - Mi no so gnente. So che l'aveva destinà de partir, e che l'averia fatto da omo a andar via; ma so che quella cara zoggia de so mugier la l'ha tornà a voltar, e la l'ha fatto restar a Palermo.

Conte Ottavio - Io dubito che sua moglie voglia essere la sua rovina.

Pantalone - No la saria una gran maraveggia, perché per el più le femmene, le xe la rovina delle famegie.

Conte Ottavio - Giacché voi siete amico di casa sua, voglio farvi una confidenza da uomo onesto. Sappiate che una dama si chiama offesa dalla signora Rosaura; questa sera si vedranno a una festa di ballo, e non vorrei le succedesse qualche disgrazia.

Pantalone - Mi no so cossa dir. A sior don Florindo ghe voggio ben, e per elo faria de tutto; ma a casa soa son stà adesso, e nol ghe xe. Debotto xe notte, e mi no so dove andarlo a trovar; me sala dir chi sia la dama offesa?

Conte Ottavio - Ve la dirò in confidenza, ma non mi fate autore. È la contessa Eleonora.

Pantalone - Stemo freschi. So che muschietto([2]) che la xe.

Conte Ottavio - Lo so ancor io pur troppo.

Pantalone - La me perdona, se parlo con libertà. La sa de che umor stravagante che la xe, e la la serve con tanta attenzion?

Conte Ottavio - Che volete ch'io faccia? Ho principiato a servirla; son nell'impegno, e non so come fare a staccarmi.

Pantalone - Gran cossa xe questa! I omeni i xe arrivai a un segno, che debotto no i gh'ha de omo altro che el nome. Le donne le ghe comanda a bacchetta. Per le donne se fa tutto, e chi vuol ottegnir qualche grazia, bisogna, che el se raccomanda a una donna. Da questo nasse che le donne le alza i registri, e le se mette in testa de dominar. Le xe cosse che fa morir da rider, andar in conversazion dove ghe xe donne coi cavalieri serventi. Le sta dure impietrie a farse adorar; chi ghe sospira intorno da una banda, chi se ghe inzenocchia dall'altra. Chi ghe sporze la sottocoppa: chi ghe tiol su da terra el fazzoletto. Chi ghe basa la man, chi le serve de brazzo. Chi ghe fa da segretario, chi da camerier, chi le perfumega, chi le sbruffa, chi le coccola, chi le segonda. E elle le se lo dise una con l'altra, le va d'accordo, le se cazza i omeni sotto i piè; el sesso trionfa, e i omeni se reduse schiavi in caéna, idolatri della bellezza, profanatori del so decoro, e scandolo della zoventù.

Conte Ottavio - Signor Pantalone, per dir il vero, le vostre massime sono ottime, la vostra morale è molto giusta.

Pantalone - Sala quante volte che ho fatto de ste lezion anca a sior don Florindo? Ma gnente, no i me ascolta. Onde xe meggio che tasa, che lassa che l'acqua corra per el so canal, e a chi ghe diol la testa, so danno. Anderò a cercarlo, ghe dirò le parole, ma gnanca sta volta no farò gnente; perché el gh'ha una mugier volubile in tel ben, e ustinata in tel mal. (parte)

Conte Ottavio - Questi vecchi parlano bene, ma non si ascoltano. Conosco anch'io che dice il vero, ma non trovo la via di seguitarlo. Ah sì! La nostra rovina sono i rispetti umani. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License