Carlo Goldoni
Le femmine puntigliose

ATTO SECONDO

Scena Sedicesima. Brighella con un bacile di confettura sotto il tabarro, ed il conte Onofrio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sedicesima. Brighella con un bacile di confettura sotto il tabarro, ed il conte Onofrio

 

Brighella - Con buona grazia de vussustrissima.

Conte Onofrio - Venite, galantuomo. Che cosa avete sotto?

Brighella - La padrona la prega perdonar la confidenza, che la se tiol. La gh'ha sto poco de confettura, e la ghe la manda; la se ne servirà stassera alla festa da ballo.

Conte Onofrio - Benissimo; ha fatto benissimo. Lasciate vedere. (prende due, o tre manciate di confetti) Andate, consegnate il bacile alla cameriera.

Brighella - (El gha la so castradina). (parte)

Conte Onofrio - Questi sono buoni per divertirsi, mentre ballano.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License