Carlo Goldoni
Le femmine puntigliose

ATTO SECONDO

Scena Diciassettesima. Arlecchino con una guantiera con boccette di rinfreschi, ed uomini con sorbettiere ed il conte Onofrio; poi la contessa Beatrice ed il conte Lelio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciassettesima. Arlecchino con una guantiera con boccette di rinfreschi, ed uomini con sorbettiere ed il conte Onofrio; poi la contessa Beatrice ed il conte Lelio

 

Arlecchino - Poder vegnir?

Conte Onofrio - Venir, venir. Che cosa aver?

Arlecchino - Portar acqua, per refrescar.

Conte Onofrio - Lassar veder. (prende due boccette, e se le beve)

Arlecchino - Maledetto! E mai no crepar?

Conte Onofrio - Tegnir, andar. (ripone le due boccette sulla guantiera)

Arlecchino - Mi andar, e ti mandar. (parte cogli uomini).

Conte Onofrio - Quel vino di Canarie mi ha eccitato la sete.

Contessa Beatrice - Ecco le dame che principiano a venire.

Conte Onofrio - Io me ne vado, e vi aspetto a cena. (parte)

Contessa Beatrice - Sonatori, principiate la sinfonia. (sonatori suonano)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License