Carlo Goldoni
Le femmine puntigliose

ATTO TERZO

Scena Prima. Donna Rosaura e Don Florindo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

Scena Prima. Donna Rosaura e Don Florindo

 

Camera solita nella locanda con tavolino e lumi.

 

Don Florindo - Tant'è, voglio sfidar alla spada quel mangione del conte Onofrio.

Donna Rosaura - Quando lo volete sfidare?

Don Florindo – Subito, domani mattina.

Donna Rosaura - Mi parrebbe di commettere un'azione indegna, se restassi a Palermo sino a domani. Mandate subito a prendere il carrozzino; ordinate che attacchino i quattro cavalli, e avanti che suoni la mezza notte, usciamo da questa città.

Don Florindo - E mi persuadereste partire senza un qualche risentimento?

Donna Rosaura - Questa è una cosa alla quale tocca a pensare a me.

Don Florindo - Ci devo pensar io, che sono vostro marito.

Donna Rosaura - No, Florindo, fidatevi questa volta di me. Può essere che mi riesca far le vostre vendette, senza sfoderare la spada.

Don Florindo - Eh, che per fare a vostro modo, sinora ho fatto delle bestialità; non voglio che mi meniate più per il naso.

Donna Rosaura - Ora non vi domando di secondarmi per un capriccio, per un piacere, ma solamente vi chiedo, che siccome sono io stata la cagione di questo male, lasciate fare a me a procurare il rimedio.

Don Florindo - Ditemi che cosa avete intenzione di fare.

Donna Rosaura - No, non lo voglio dire. Bastivi sapere che il pensiero è tutto mio, che la vendetta è sicura, e che mancherà il tempo di farla se inutilmente ci tratteniamo.

Don Florindo - Dunque che abbiamo a fare?

Donna Rosaura - Mandate subito a ordinare il carrozzino con i quattro cavalli.

Don Florindo - E la roba?

Donna Rosaura - La roba si consegnerà al padron dell'albergo, e la manderà poi a Castellamare.

Don Florindo - Volete far uccidere qualcheduno?

Donna Rosaura - Eh, pensate! La vendetta ha da essere senza sangue.

Don Florindo - Io non vi so capire.

Donna Rosaura - Sollecitate, e saprete la mia intenzione.

Don Florindo - Brighella? (chiama)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License