Carlo Goldoni
Le femmine puntigliose

ATTO TERZO

Scena Ultima. La contessa Eleonora, la contessa Clarice, il conte Ottavio, dame e cavalieri

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ultima. La contessa Eleonora, la contessa Clarice, il conte Ottavio, dame e cavalieri

 

Conte Ottavio - Signore mie, per rimediare in parte al discapito della nostra riputazione, direi che fosse ben fatto unire fra di noi le cento doppie, e farle avere alla signora Rosaura, prima della sua partenza. Io ne esibisco trenta, che tengo in questa borsa. (fa vedere una borsa con varie monete)

Contessa Eleonora - Per parte mia, eccone sei. (mette sei doppie nella suddetta borsa)

Contessa Clarice - Ed io ve ne posso dar otto. (fa lo stesso)

Conte Ottavio - E voi dame, e voi cavalieri, concorrete a quest'opera degna di noi? (va dai cavalieri e dalle dame, e tutti gli danno denari) Ecco raccolte le cento doppie. Andrò a presentarle per parte della nobiltà alla signora donna Rosaura.

Contessa Eleonora - La contessa Beatrice non la pratico più.

Contessa Clarice - Nemmen io mi degno più di farmi vedere con lei.

Conte Ottavio - In questa occasione non disapprovo che facciate le puntigliose. Non è decoro delle persone onorate trattar con gente venale, che non sa sostenere il suo grado. Ognuno cerchi di conversare con chi può rendergli egual onore; ma niuno aspiri a passar i limiti delle sue convenienze, servendogli d'esempio il fatto comico di donna Rosaura.

 

 

fine della commedia



([1]) Povero agghiacciato, cioè miserabile [Nota dell'A.]

([2]) muschietto: testa bizzarra, difficile [Nota dell'A.]


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License