Carlo Goldoni
Filosofia e amore

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA   Xanto e Menalippe

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Xanto e Menalippe

 

XAN.

(Di Leonzio scolaro

Menalippe graziosa è innamorata?) (da sé)

MEN.

(Ho piacer che Corina

A Xanto abbia svelato

Leonzio della schiava innamorato). (da sé)

XAN.

Dunque lo scolaretto

Le sue fiamme coltiva in questo tetto? (a Menalippe)

MEN.

Non avete sentito?

XAN.

Sì, ho sentito.

E voi lo confermate?

MEN.

Ho piacer lo sappiate.

XAN.

Anche di più?

MEN.

Se poco è quel che fu,

Potete preveder quel che sarà.

XAN.

Brava, signora sposa, in verità!

Son filosofo, è vero;

Non mi prendo pensiero

Di certe coserelle,

Ma queste poi mi toccano la pelle.

MEN.

Chi è colui che ora viene?

XAN.

Lo schiavo che ho comprato.

MEN.

Quel mostro sciagurato

Soffrir deggio vedere a me vicino?

XAN.

Eh sì sì; lo scolaro è più bellino.

MEN.

(Diamine! non vorrei...) Che importa a me

Che Leonzio sia bello,

S'egli ama Cloridea?

XAN.

(Quanto si scusa più, più si fa rea). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License