Carlo Goldoni
Gli innamorati

ATTO SECONDO

Scena Terza. Roberto e detti, poi Lisetta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Roberto e detti, poi Lisetta

 

ROB. Queste signore si sono annoiate di me; le compatisco, hanno pensato meglio lasciarmi solo.

FAB. Dov'è Eugenia? Presto, chiamatela. (a Flamminia)

FLA. Voglio far altro io, che chiamarla.

FAB. Uh siete pure svenevole. Lisetta. (chiama)

LIS. Che comanda?

FAB. Di' subito ad Eugenia, che venga qui.

LIS. Se mi domanda il perché?

FAB. Dille che venga qui, che una persona la vuol vedere, e le vuol parlare.

LIS. (Può essere che il signor Ridolfo le abbia a dir qualche cosa per parte del signor Fulgenzio. Con questa speranza la farò venire). (da se, e parte)

FLA. (Andate, signor Ridolfo, a ritrovare il signor Fulgenzio, e fatelo venir qui, e ditegli tutto quello che vi ho detto). (piano a Ridolfo)

RID. (Sì, se me ne ricorderò). (piano a Flamminia) Con sua licenza, signor Fabrizio.

FAB. Come? Andate via? Non mi avete dato parola di restar con noi?

RID. Tornerò verso l'ora del pranzo.

FAB. Vi aspetto. Non si in tavola senza di voi. Signor Conte, questi è il primo causidico di Milano, il primo curiale del mondo, il più bravo legale di tutto il regno della Giurisprudenza.

ROB. Me ne rallegro infinitamente.

RID. L'amicizia che ha per me il signor Fabrizio, lo fa trascendere in soverchie lodi.

FAB. Ha qualche causa in Milano il signor Conte?

ROB. Ne avevo una, per dirla, ma siamo per convenire cogli avversari, e terminarla amichevolmente.

FAB. No, non la termini amichevolmente. Si lasci servire dal signor Ridolfo, dal principe dei curiali; gliela farà guadagnare senz'altro.

ROB. Ma se già ho i miei legali.

FAB. Che legali? che legali? Sono tutti ignoranti. Questi è il legale, e non ve n'è altri fuori di lui. Faccia a mio modo, si metta nelle di lui mani. Signor Ridolfo, vada a casa del signor Conte, si faccia informare, e si faccia consegnar le scritture.

RID. Ma se sta per accomodarsi... (a Fabrizio)

FAB. Non vi ha da essere accomodamento. Il signor Conte vuol essere servito da lei, e con chi crede vossignoria aver a che fare? Col primo cavaliere dello Stato Romano, che ha feudi con padronanza assoluta, ch'è conosciuto da tutta l'Europa, è stimato e venerato da principi e da potentati.

ROB. Basta, basta, signor Fabrizio. Non mi mettete in ridicolo.

FAB. Parlo con ogni rispetto. So quel che dico e la verità s'ha da dire.

FLA. (Andate, che si fa tardi). (a Ridolfo)

RID. Con vostra permissione. Vado per ritornare tra poco. (a Fabrizio, e parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License