Carlo Goldoni
Gli innamorati

ATTO SECONDO

Scena Decima. Succianespole e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Succianespole e detti

 

SUC. Signore. (con una stoviglia in mano)

FAB. (Tieni questo grembiale, che or ora vengo, e senti: cresci qualche cosa per due persone di più). (a Succianespole)

SUC. (E le posate?) (a Fabrizio)

FAB. (Oh diavolo! come faremo?)

SUC. (Come faremo?)

FAB. (Ingegnati).

SUC. (Vi sono quelle di legno).

FAB. (Sciocco! la riputazione. Zitto, l'ho trovata. Farò così, me ne farò prestar due dalla signora Clorinda. È una donna di garbo, non dirà niente a nessuno. Farò bene?)

SUC. (Gnor sì).

FAB. (Va a lavorare).

SUC. (Gnor si). (parte)

FAB. Con licenza di lor signori.

FLA. Dove va, signor zio?

FAB. Succianespole si è scordato di comprare una cosa. Vado io, e torno subito. (Eh, per ripieghi non c'è un par mio. Starei bene a una Corte, maggiordomo, primo ministro. Non sono morto. Chi sa!) (da sé e parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License